Castel San Pietro Terme, cerca di rubare due quadri dal santuario

Nei guai un 44enne albanese senza fissa dimora. I carabinieri lo hanno già rimpatriato

Le indagini sono state portate avanti dai carabinieri
Le indagini sono state portate avanti dai carabinieri

Castel San Pietro Terme (Bologna), 8 febbraio 2024 – Ha cercato di rubare i quadri dei papi Giovanni Paolo II e Benedetto XVI dal santuario della Beata Vergine di Poggio Piccolo. Per questo motivo, un 44enne albanese, disoccupato e senza fissa dimora è stato denunciato dai carabinieri di Castel San Pietro Terme.

La denuncia è scaturita nel corso di un’indagine coordinata dalla Procura di Bologna e finalizzata a trovare l’autore del tentato furto di due quadri da muro, dotati di una cornice di legno dorata delle dimensioni di 30x25 cm e raffiguranti uno Papa Giovanni Paolo II e l’altro Papa Benedetto XVI, dal santuario della Beata Vergine di Poggio Piccolo. Ad accorgersi dell’ammanco dei due quadri, l’11 gennaio scorso, era stato il rettore del santuario, che si era rivolto ai carabinieri per sporgere denuncia. I due quadri erano stati ritrovati due giorni dopo, avvolti da un telo bianco e nascosti dietro a un vaso, da due volontarie del santuario che stavano pulendo la sagrestia. Analizzando le immagini della videosorveglianza, i carabinieri hanno scoperto che a rimuovere i due quadri dal muro e a nasconderli dietro al vaso era stato un mendicante che prima di entrare nel santuario si era tolto le scarpe. I carabinieri lo hanno rintracciato a Castel San Pietro Terme lunedì scorso e, dopo averlo identificato nel 44enne albanese, hanno rilevato che era destinatario di un ordine di espulsione emesso dall’autorità giudiziaria. Al termine degli accertamenti, l’uomo, che aveva già precedenti di polizia specifici, è stato accompagnato dai carabinieri all’aeroporto di Bologna per dare esecuzione alle operazioni di rimpatrio