Malore improvviso: Lorenzo muore a 38 anni davanti a moglie e figli

Il decesso mentre era in casa: vani i soccorsi del 118 per il proprietario della "Sistema 3". Amava la montagna e la fotografia: era il figlio dell’ex sindaco

Malore fatale per Lorenzo Lambertucci: è morto a 38 anni

Lorenzo Lambertucci aveva 38 anni: una morte che ha colpito tutta la provincia e i tanti amici che aveva nel territorio

Macerata, 8 dicembre 2023 – Una provincia intera sconvolta per l’improvvisa scomparsa del 38enne Lorenzo Lambertucci, padre di due bambini. Mercoledì sera, dopocena, intorno alle 21.30, è stato colpito da un malore fatale mentre era a casa con la sua famiglia, a Caldarola. Subito sul posto sono arrivati gli operatori sanitari del 118, ma purtroppo non c’è stato nulla da fare.

Lorenzo amava la vita. Era amministratore della storica azienda di informatica "Sistema 3" (fondata dal padre Fabio), che si era trasferita da Montecassiano a Piediripa a inizio anno. Escursionista, amante della montagna e della fotografia naturalistica, aveva creato insieme agli amici Stefano Ciocchetti, Giuseppe Del Balzo Ruiti e Alessio Vita la pagina Facebook di successo "L’Occhio nascosto dei Sibillini".

Solo un paio di mesi fa era stato in Alaska. Faceva parte inoltre di Photonica 3, Appennino Foto Festival, asd Monti Azzurri, solo per citare alcune realtà, e andava in bici. Appassionato di calcio, in passato aveva giocato come difensore con diverse squadre del territorio (Caldarola, Sarnano e Palombese) e ora dava una mano alla dirigenza del Caldarola Calcio.

Ieri, fino alle 16, tantissime persone hanno fatto visita alla camera ardente allestita alla Casa funeraria Rossetti di Tolentino, per stringersi forte alla moglie Silvia (docente all’Ipsia Frau), ai due figlioletti e ai genitori Silvia e Fabio (ex sindaco di Caldarola e docente di informatica dell’Itis di San Severino in pensione). Poi la salma è stata portata all’ospedale di Macerata per essere sottoposta ad autopsia, considerando la giovane età di Lorenzo e la morte improvvisa. Oggi, dalle 10.30 alle 19, sarà di nuovo alla Casa funeraria. Il funerale è stato fissato per domani mattina, alle 9.30, nella chiesa del Beato Francesco a Caldarola.

Centinaia e centinaia i messaggi di affetto per "Lollo", dal Pd alle volontarie della biblioteca di Caldarola, dalla Pro Loco alle associazioni sportive, a Sandro Luciani, preside dell’Itis, in quanto Lorenzo era stato studente del Divini. "Un fratello per me – dice l’amico di una vita Stefano Ciocchetti –. Era l’amico di tutti. Non come frase fatta, era l’amico di tutti davvero. Si dava sempre al cento per cento, in qualsiasi cosa iniziasse. Mille passioni, mille avventure e altrettanti interessi. Persona curiosa, sempre attiva, sul pezzo, preparata. Un collante per tante persone".

"Sono sicura che lassù conquisterai il cuore di tutti come hai fatto qua", scrive un’amica. "Un giorno torneremo a ridere di nuovo insieme intorno alla tavola", aggiunge un altro. "Lorenzo ha donato al Parco nazionale dei Sibillini meravigliose immagini, che hanno impreziosito in questi anni i calendari istituzionali", scrive l’Ente citando ad esempio la copertina del 2021. "Ciao Lorenzo, ci mancherà il tuo amore per i Sibillini – conclude il biologo del Parco, Alessandro Rossetti –, la bellezza della Natura vista dai tuoi occhi".