Pronta la nuova bretella: "Opera attesa da decenni"

Sarà inaugurata a Villa Musone mercoledì pomeriggio con il via al traffico. Velocizzerà il collegamento tra Recanati, Loreto e Castelfidardo

Pronta la nuova bretella: "Opera attesa da decenni"

Pronta la nuova bretella: "Opera attesa da decenni"

Recanati (Macerata), 31 marzo 2024 – È tempo di tagli del nastro a Recanati. S’inizia martedì con l’inaugurazione, alle 16, del nuovo Centro del riuso realizzato dall’Amministrazione comunale in via Volponi, all’interno dell’isola ecologica di Squartabue di Villa Musone. Si tratta di un prefabbricato in acciaio di 6 metri di altezza adibito per 117 metri quadrati ad area espositiva-deposito e per 25 mq a ufficio per la cui realizzazione l’Amministrazione ha ottenuto un contributo regionale di 200 mila euro.

Il giorno dopo è la volta del taglio del nastro della nuova bretella di Villa Musone che collegherà la parte di Castelfidardo (dove il tracciato è già completato) con quella di Recanati con una rotatoria. Alle 15 ci sarà l’apertura ufficiale al traffico della strada con la presenza dei sindaci di Recanati (Antonio Bravi), di Loreto (Moreno Pieroni) e di Castelfidardo (Roberto Ascani) e del presidente della provincia di Ancona Daniele Carnevali.

Interverrà anche l’assessore regionale ai lavori pubblici e viabilità Francesco Baldelli (e non Antonio – che è senatore – come erroneamente riportato nel manifesto). Seguirà, alle 16, nella sala parrocchiale di Villa Musone, l’assemblea pubblica per illustrare l’intervento realizzato. La realizzazione della bretella è un intervento reso possibile grazie ad un lavoro congiunto tra i Comuni di Loreto, Castelfidardo e Recanati e le aree delle Province di Ancona e Macerata.

"Si tratta di un’opera – commenta il sindaco Bravi – attesa da decenni che eliminerà gran parte del traffico che affligge la frazione di Villa Musone e velocizzerà i collegamenti tra i Comuni di Recanati, Loreto e Castelfidardo. L’opera interamente in territorio recanatese per l’importo totale di euro 1.195.000 euro è stata finanziata per 345.000 euro dal Comune di Recanati, che ha curato la progettazione e la realizzazione, e per il resto con un contributo di 850.000 euro della Regione Marche ottenuto anche grazie all’impegno dell’allora assessore regionale Pieroni (oggi sindaco di Loreto, ndr).