Ladri in casa mentre dorme. Rubati gioielli, giacche e l’auto

Sabato mattina, una giornalista modenese ha scoperto che ladri hanno preso di mira la sua abitazione a Castelvetro. I Carabinieri stanno indagando e visionando le telecamere pubbliche vicino alla villa

Ladri in casa mentre dorme. Rubati gioielli, giacche e l’auto
Ladri in casa mentre dorme. Rubati gioielli, giacche e l’auto

Modena, 4 dicembre 2023 – E’ stato un amaro risveglio sabato mattina per la giornalista modenese Carla Mazzola. Dei ladri, infatti, nella notte di venerdì hanno preso di mira la sua abitazione di Castelvetro in via Garibaldi, mentre lei stava dormendo. "Ero in casa da sola perché mio marito è ricoverato in ospedale a Vignola e stavo dormendo – racconta Carla – non ho sentito nulla poiché la zona letto è piuttosto lontana dal soggiorno dove sono entrati. Da quanto mi hanno riferito i Carabinieri credo sia successo verso l’una di notte.

Approfondisci:

Scuole nel mirino, ennesimo furto al liceo Sigonio. Divelto il distrubutore di bevande, rubato l’incasso

Scuole nel mirino, ennesimo furto al liceo Sigonio. Divelto il distrubutore di bevande, rubato l’incasso

Sono arrivati a piedi, probabilmente dal bosco che è alle spalle della casa, si sono aperti un varco rompendo una parte delle rete di recinzione, poi hanno forzato le inferriate della porta finestra e rotto il vetro e sono entrati in casa. Un disastro – prosegue la giornalista ancora scossa per l’accaduto – hanno lasciato molti danni, rompendo tutto quello che potevano rompere. Non c’erano soldi, hanno preso qualche gioiello, i giacconi pesanti invernali ma soprattutto il dramma è che mi hanno rubato la macchina che per me, soprattutto in questo momento, è indispensabile avendo mio marito ricoverato; vado da lui ogni giorno. E’ stata un’esperienza terribile". I carabinieri sono andati sul posto, sono state prelevate impronte e ora sono in corso le indagini per risalire ai ladri. Saranno visionate le telecamere pubbliche vicino alla villa. "I carabinieri hanno inserito la targa della Renault nel data base" spiega Mazzola.