Pagano con soldi falsi, picchiati dai venditori

Camposanto, pestati e scaricati in campagna dopo essere stati aggrediti e sequestrati nel Ferrarese. Indagano i carabinieri

Pagano con soldi falsi, picchiati dai venditori

Pagano con soldi falsi, picchiati dai venditori

Dopo aver acquistato merce per cifre importanti, avrebbero rifilato soldi contraffatti ad alcuni venditori stranieri, di origine marocchina. I venditori, però, se ne sarebbero accorti poco dopo e sentendosi truffati, avrebbero dato vita ad una caccia all’uomo nelle vie del paese. Individuati gli acquirenti, li avrebbero quindi picchiati a sangue, caricati in auto, sequestrati per interminabili minuti per poi scaricarli in mezzo alla campagna della bassa modenese. La cruenta vicenda si è verificata martedì notte nella frazione Pilastri di Bondeno, nel ferrarese. Non è chiaro se gli aggressori siano stati o meno individuati dai carabinieri, che ora si occupano delle indagini. Anche la dinamica dei fatti è ancora in via di ricostruzione: quel che è certo è che una delle vittime – entrambe di origine camerunese – 44 anni, ha riportato fratture in diverse parti del corpo, soprattutto al volto e ieri risultava ancora ricoverata in osservazione breve intensiva a Baggiovara. Si tratterebbe della persona che, materialmente, ha pagato la merce con denaro contraffatto. L’altro, invece, è stato dimesso nel corso della giornata. L’episodio risale appunto alla notte di mercoledì quando dalle campagne della bassa modenese, nei pressi di Camposanto i due cittadini del Camerun danno l’allarme: sul posto arrivano i sanitari del 118 e trovano entrambi gli uomini con il volto ricoperto di sangue e diverse ecchimosi sul corpo. I due vengono soccorsi e trasferiti all’ospedale di Baggiovara e, nel frattempo, scattano le indagini. Pare che i due feriti abbiano spiegato appunto alle forze dell’ordine di essere stati pestati a sangue poco prima nel ferrarese per poi essere sequestrati dal gruppo di magrebini e trasportati in auto fino alle campagne modenesi dove, appunto, sarebbero stati scaricati sulla strada con violenza dai ‘rapitori’. Alla base del violentissimo pestaggio, un debito appunto contratto dalle vittime nei confronti degli aggressori dai quali avevano acquistato alcuni prodotti rifilando loro però denaro contraffatto. Circostanza che avrebbe mandato i venditori su tutte le furie, tanto da decidere di raggiungere i presunti clienti per poi dare loro una violenta ‘lezione’. Una sorta di vendetta che avrebbe potuto costare la vita alle due vittime. Ora le indagini sono in corso da parte dei Carabinieri di Ferrara che già all’alba di ieri erano sulle tracce dei responsabili del pestaggio. Pare che il gruppo di magrebini, infatti, dopo aver aggredito le vittime ai Pilastri di Bondeno, per poi scaricarle successivamente nelle campagne modenesi si fosse poi dileguato a bordo di due diverse auto che sarebbero state intercettate poco dopo dai militari.

Valentina Reggiani