Strangolata dall’ex marito a Modena, il rettore Porro: "Devastati da questo atto vile"

Il Rettore di Unimore esprime profondo cordoglio per la brutale uccisione di una specializzanda in Radiologia, condannando il femminicidio come atto vile e inaccettabile. L'Ateneo si impegna a combattere la violenza di genere e a sostenere la famiglia della vittima

Modena, 12 giugno 2024 – Profondo il cordoglio di Unimore nelle parole del Rettore Carlo Adolfo Porro: "La nostra comunità è devastata dalla notizia della brutale uccisione di una specializzanda in Radiologia. A nome di tutto l’Ateneo, esprimo il nostro più profondo e sentito cordoglio alla famiglia e ai suoi due figli. Il femminicidio è un cancro che non possiamo più tollerare, una vergogna che macchia la nostra umanità, e non ci sono mezzi termini per condannarla: è un atto vile, disumano e inaccettabile. È tempo che la nostra società si sollevi con forza contro questa barbarie. Unimore non resterà a guardare. Saremo vicini alla famiglia della vittima in questo momento di dolore insopportabile. Inoltre, intendiamo costituirci parte civile nel corso del processo che si instaurerà.

Approfondisci:

I messaggi di Anna, strangolata dall’ex marito a Modena: “Lui mi odia, è una guerra”

I messaggi di Anna, strangolata dall’ex marito a Modena: “Lui mi odia, è una guerra”

La lotta contro i femminicidi passa in primo luogo attraverso la formazione, la cultura e la conoscenza. Dobbiamo far germogliare nelle nuove generazioni i valori del rispetto reciproco, dell’uguaglianza e della non violenza. Crediamo che attraverso la cultura si possa costruire una società più giusta e sicura, libera da pregiudizi e violenze. Continueremo a lottare con forza affinché simili orrori non si ripetano. La violenza di genere deve essere estirpata con ogni mezzo, e noi faremo la nostra parte". Oggi tutte le bandiere delle sedi universitarie saranno esposte a mezz’asta.

Il rettore Unimore Carlo Adolfo Porro. L'università si costituirà parte civile
Il rettore Unimore Carlo Adolfo Porro. L'università si costituirà parte civile

"Ci uniamo in un abbraccio ad Anna, ai suoi figli e alla sua famiglia – hanno commentato il dg dell’Azienda ospedaliero universitaria, dott. Claudio Vagnini e il direttore del Dipartimento ad Attività Integrata di Radiologia prof. Pietro Torricelli –. Quello che è successo è spaventoso, una tragedia che ha scosso tutto il personale non solo del Policlinico, dove Anna svolgeva la sua specializzazione, ma di tutta l’Azienda. Condanniamo con forza questo gesto di violenza spaventoso e vigliacco".