I controlli della Polizia Locale di Ravenna: ecco i dati 2023 nell’Isola di San Giovanni

Servizi di pattugliamento e attività per contrastare gli episodi criminosi nel quartiere

Polizia Locale Ravenna (archivio)

Polizia Locale Ravenna (archivio)

Ravenna, 7 gennaio 2024 – Oltre 460 servizi di pattugliamento, 1046 persone sottoposte a controllo, sei arresti, 126 denunce all’Autorità Giudiziaria, nonché la contestazione di 446 violazioni riferite ad illeciti di natura amministrativa. Sono i numeri salienti, relativi all’attività di controllo del territorio messa in campo, durante l’intero 2023, dalla Polizia Locale di Ravenna nel quartiere denominato ‘Isola di San Giovanni’.

Controlli finalizzati, in particolare, a prevenire e contrastare episodi criminosi, nonché manifestazioni di degrado urbano, disagio sociale, disordine diffuso e disturbo nonché di condotte contrarie alle più elementari regole che governano la civile convivenza. Nel dettaglio, i servizi di pattugliamento sono stati 462 (103 in orario mattutino, 164 di pomeriggio e 195 in orario serale). In aggiunta si contano 58 servizi coordinati con l’impiego di personale in uniforme e in abito civile e due servizi interforze. L’attività di presidio del territorio ha condotto al controllo di 1046 persone (di cui 814 straniere), generando 126 denunce per una lunghissima lista di reati contro la persona (lesioni, minacce, rissa), contro il patrimonio (furto, ricettazione, appropriazione indebita, truffa, danneggiamento), contro la pubblica amministrazione (violenza, minaccia, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale), contro la pubblica incolumità (tentato incendio, getto pericoloso di cose), contro la pubblica fede (false generalità), contro l’amministrazione della giustizia (evasione), contro la tranquillità pubblica (esercizio molesto dell’accattonaggio), in materia di immigrazione (permanenza illecita sul territorio nazionale, inottemperanza all’ordine di esibizione documentale, all’ordine di espulsione dal territorio nazionale), di sostanze stupefacenti (spaccio e detenzione a fini di spaccio) e di armi (porto abusivo di armi e di oggetti atti ad offendere), nonché violazioni al “divieto di accesso urbano” (daspo urbano), in materia di misure di prevenzione personali e di guida in stato di ebbrezza. Sette le persone tratte in arresto (6 in flagranza di reato e una in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Ravenna). Le violazioni riferite ad illeciti di natura amministrativa sono state complessivamente 446: 55 per ubriachezza manifesta, 36 per atti contrari alla pubblica decenza, 44 per indebito stazionamento in area soggetta a particolare tutela, 16 per violazione dell’ordine di allontanamento, 27 per l’esercizio della questua, 139 per consumo di bevande alcoliche in area non consentita, 43 per consumo di sostanze stupefacenti, due per abbandono di bottiglie su suolo pubblico, 14 per attività assimilabile al campeggio, una per giochi che arrecano disturbo alla collettività, una per disturbo della quiete pubblica, una per utilizzo di carrelli della spesa fuori dalle aree di pertinenza degli esercizi commerciali, una per volantinaggio, cinque per violazioni in materia di rifiuti urbani, 10 per violazioni in materia di disciplina della circolazione di monopattini, una per occupazione abusiva di strada urbana. E’ stato inoltre sanzionato un esercizio commerciale per vendita di bevande alcoliche a persona in stato di manifesta ubriachezza. Segnalate poi 43 persone alla Prefettura di Ravenna quali assuntori di sostanze stupefacenti. Infine è stato disposto l’ordine di allontanamento nei confronti di 134 persone, in prevalenza stranieri.