Sara Venerucci aggredita: identificato l'assalitore della campionessa di pattinaggio

Il 31 ottobre la giovane, che era in auto con la figlia di 9 mesi, era stata fermata a Viserba da un automobilista che le aveva preso a calci la macchina. Le volanti hanno passato al setaccio le telecamere del lungomare

La campionessa di pattinaggio Sara Venerucci: il suo aggressore è stato identificato grazie alle telecamere sul lungomare di Viserba

La campionessa di pattinaggio Sara Venerucci: il suo aggressore è stato identificato grazie alle telecamere sul lungomare di Viserba

Rimini, 10 febbraio 2024 - Denunciato a piede libero per violenza privata e danneggiamento aggravato l'uomo che il 31 ottobre scorso assalì Sara Venerucci, la riminese pluricampionessa mondiale di pattinaggio.

Una aggressione avvenuta sul lungomare di Viserba a causa di una banalissima lite stradale. La Venerucci, in macchina con la figlia piccola di nove mesi, aveva compiuto una leggera invasione della corsia opposta. Questa piccola distrazione aveva indispettito il conducente che proveniva dal senso di marcia opposto: l'uomo aveva invertito il senso di marcia, raggiungendo l'auto della donna, bloccandole la strada e costringendola a fermarsi.

Una volta sceso dall’auto l'uomo aveva cominciato a inveire contro la Venerucci, colpendo l’auto con un calcio danneggiando vistosamente lo sportello e mandando in frantumi il vetro posteriore, per poi allontanarsi frettolosamente.

Approfondisci:

La campionessa:: "Aiutatemi a trovare chi voleva picchiarmi"

La campionessa:: "Aiutatemi a trovare chi voleva picchiarmi"

La Venerucci aveva denunciato l'episodio alla polizia di Stato. Determinanti si sono rivelate le indagini condotte dagli agenti delle Volanti, che hanno passato al setaccio i filmati delle telecamere del lungomare, riuscendo infine a identificare il presunto assalitore.