Dopo l’appello del Carlino "Eventi estivi, avanti tutta Voglio una città che vive"

Il sindaco Daniele Silvetti d’accordo col giornale sul tentativo di invertire la rotta: "Non è vero che Ancona si svuota. Nuova stazione, incontro a Roma a metà luglio".

Dopo l’appello del Carlino  "Eventi estivi, avanti tutta  Voglio una città che vive"

Dopo l’appello del Carlino "Eventi estivi, avanti tutta Voglio una città che vive"

L’appello del Carlino non è passato inosservato al sindaco Daniele Silvetti che, anzi, rilancia: "Ancona deve essere attrattiva e lo deve fare anche in estate proponendo eventi e iniziative sia per chi ci vive sia per i turisti che la possono raggiungere". E per farlo occorre pensare a un cartellone di proposte nel clou dei mesi estivi come sottolineato dal nostro giornale che ha chiesto di invertire la rotta sulle poche proposte estive. "Al momento siamo impegnati a trovare le risorse per confermare le proposte che erano state messe in piedi durante gli ultimi mesi della passata legislatura ma che sono rimaste senza copertura finanziaria. La nostra impronta si vedrà dalla prossima estate. Certo è che se dovessero capitare delle proposte le esamineremo per inserirle subito tra gli eventi di quest’estate".

Il pensiero di Silvetti è semplice: "Non è vero che a luglio e agosto si svuota come avete sottolineato voi, semmai occorrono delle proposte per far uscire la gente dalle case. E poi le spiagge sono piene, significa che le persone ci sono e poi la sera vanno a Senigallia o a Civitanova. L’estate scorsa come parco del Conero organizzammo il concerto dei Via Verdi al Passetto: c’erano 2.500 spettatori...". Il cruccio di Silvetti è quello di legare il nome della città ad un evento con cui si possa identificare e che abbia la forza di diventare un momento unico a livello nazionale. Come avviene ad esempio a Senigallia con il Jamboree. "La cultura, gli eventi, aiutano a far conoscere la città e far arrivare vacanzieri che semmai sono in Riviera o sulla spiaggia di velluto e poi vengono qui per assistere a uno spettacolo o a una mostra". E proprio il fronte delle esposizioni potrà regalare più di qualche sorpresa. Non è un mistero che il critico d’arte e politico Vittorio Sgarbi sia in contatto con Silvetti e tra non molto potrà vedere la luce una prima mostra di livello nazionale da accogliere alla Mole firmata da Sgarbi.

Ma non si vive solo di eventi. E, confermando l’anticipazione del Carlino, Silvetti sottolinea come "a metà luglio insieme con il governatore Acquaroli incontreremo il ministro Salvini e il viceministro Bignami per approfondire la creazione della stazione ferroviaria per alta velocità e merci di Ancona nella zona dell’aeroporto. Una struttura che sarà collegata con l’attuale stazione centrale dalla metropolitana di superficie e che darà ancora più forza all’idea di area metropolitana di Ancona che grazie alla infrastrutture sul ferro collega già proprio l’aeroporto con Falconara, Ancona e Camerano fino a Osimo Stazione passando per l’ospedale di Torrette, lo stadio e l’Aspio che sarà anche la fermata dedicata al nuovo Inrca".

Alfredo Quarta