Mareggiate da incubo, l’Adriatico si mangia la strada: "A rischio anche le case"

Marina, il tratto di costa flagellato dalle onde nonostante i lavori, i residenti lanciano l’allarme: "In poche ore spariti un paio di metri di lungomare e parcheggi, siamo preoccupati"

Ancona, 2 aprile 2024 – Qualche ottimista buontempone potrebbe pensare a un pesce d’aprile di dubbio gusto o a qualche estemporaneo fotomontaggio. Invece è tutto maledettamente vero. Le foto che vedete sono state scattate ieri pomeriggio sul lungomare di Marina di Montemarciano e riportano l’impressionante immagine di quello che resta della spiaggia nel tratto di strada compreso tra i ristoranti Heidi e A.B. (Alberto Berardi) con le onde che in più punti hanno danneggiato la sede stradale giungendo, nel volgere di poche ore, a ridosso delle abitazioni.

Le incredibili immagini della violenta mareggiata a Marina
Le incredibili immagini della violenta mareggiata a Marina

Se le mareggiate che si stanno abbattendo, con particolare violenza nelle ultime ore, sul tratto di mare compreso tra la Riviera del Conero a Senigallia, rientrano nella norma del periodo, sicuramente meno ‘normali’ , come puntualmente e a più riprese denunciato dai residenti negli ultimi anni, sono gli effetti sempre più devastanti e allarmanti delle stesse mareggiate. Da tempo immemorabile questo tratto del lungomare di Marina risulta tra i più vulnerabili e i più colpiti, un anno fa la Regione era intervenuta assegnando un totale di circa 15 milioni per la sistemazione, il ripascimento della spiaggia e il posizionamento di scogliere tra Falconara (4 milioni) e Marina (11,8 milioni).

Un intervento necessario, scriveva il Carlino in quello stesso periodo, per ristabilire il percorso del lungomare, che a ogni mareggiata deve essere interrotto per questioni di sicurezza. In più occasioni, continuava il nostro giornale, lungo la strada si sono formate delle voragini. Un chilometro e circa 400 metri di costa da dover ricostruire e proteggere per farlo tornare completamente agibile.

Alle parole sarebbero seguiti i fatti senza però, a detta dei residente comprensibilmente preoccupati, che si ottenessero i risultati sperati. "In poche ore sono scomparsi non meno di un paio metri di strada – riferisce uno di loro –, poche settimane fa hanno fatto dei lavori sulle scogliere, credo le abbiano spostate, resta il fatto che prima i danni alla spiaggia erano limitati, stavolta oltre all’erosione e ai crateri sono stati spazzati via anche centinaia di metri di strada e di parcheggi e l’acqua è arrivata fino alle nostre case dalla parta opposta. Se continua così, non oso pensare a quello potrebbe succedere".

Nessuno che sia intervenuto? "Nel pomeriggio sono arrivati i carabinieri, che hanno provveduto a transennare la zona, ci sono stati i vigili urbani, hanno preso atto della situazione e sono ripartiti. Se siamo preoccupati? Ha visto cosa sta facendo il mare, noi abitiamo a qualche chilometro da qui, domani (oggi per chi legge ndr ) torniamo a vedere, speriamo di trovarla in piedi, la casa".