Trovato mummificato in casa, era morto da anni: tragedia della solitudine ad Ancona

Scoperta choc in via Urbino, è stato il fratello a spingere i soccorritori ad intervenire. I vigili del fuoco hanno dovuto sfondare la porta e sono stati avvolti da un odore terribile. L’uomo aveva 72 anni

Tragedia della solitudine ad Ancona, trovato mummificato nel suo letto; era morto da anni
Tragedia della solitudine ad Ancona, trovato mummificato nel suo letto; era morto da anni

Ancona, 6 gennaio 2023 – E’ stato trovato mummificato sul letto della sua abitazione, in via Urbino. Secondo una prima ricostruzione ad opera dei carabinieri della compagnia di Ancona, l’uomo, un 72enne, sarebbe morto addirittura nell’estate del 2018. Da allora nessuno lo ha cercato. La data di morte si presume da alcuni indizi che sono comunque di un certo rilievo. Nell’abitazione è stato trovato dai carabinieri un calendario fermo alla pagina del 2018: capita di lasciare una pagina indietro, ma cinque sembrano davvero troppe.

Approfondisci:

Sorelle trovate morte. Servizi sociali nel mirino

Sorelle trovate morte. Servizi sociali nel mirino

L’estate del 2018 coincide temporalmente anche con l’ultima volta che l’uomo è stato cercato dal fratello, con cui non aveva rapporti molto stretti, e che vive a Roma. Il fratello provava ripetutamente a chiamarlo, ma il telefono del 72enne era staccato. L’utenza era ancora in uso e valida, ma verosimilmente non era stata utilizzata da anni.

Una scoperta horror quella fatta ieri pomeriggio, attorno alle 16 dai vigili del fuoco di Ancona e dai militi della Croce Gialla.

I pompieri hanno fatto irruzione nell’appartamento dopo aver ricevuto la segnalazione di una probabile persona morta all’interno. Era stato il fratello dell’uomo a chiamare il 112, nutrendo il forte sospetto che fosse accaduto qualcosa. L’uomo era arrivato in mattinata da Roma e aveva messo un biglietto sotto la porta dell’abitazione dopo aver a lungo bussato.

Approfondisci:

Una trombosi fulminante, ‘Encio’ muore a 48 anni

Una trombosi fulminante, ‘Encio’ muore a 48 anni

Non avendo avuto risposta, ha fatto scattare l’allarme e da lì la macabra scoperta. Sul corpo il magistrato di turno ha disposto l’autopsia: attraverso l’esame dei tessuti, dei liquidi rimasti e delle ossa sarà possibile in qualche modo risalire al periodo del decesso. In questo momento i carabinieri hanno in mano degli indizi pesanti, ma vanno compiuti altri accertamenti che potrebbero portare a chiudere il cerchio: ad esempio la domiciliazione delle utenze (da quanto tempo non venivano pagate le bollette), i conti correnti (assenza totale o meno di movimentazione bancaria).

Approfondisci:

Mummificato in casa, il fratello: "Non ci parlavo da tempo, ma volevo fare pace. Nessuno si è accorto?"

Mummificato in casa, il fratello: "Non ci parlavo da tempo, ma volevo fare pace. Nessuno si è accorto?"

Da un primo sopralluogo risulta che l’abitazione fosse in perfetto ordine. Tutto è rimasto come il pover uomo l’aveva lasciata prima di essere verosimilmente colto da un malore nel sonno. Non ci sono infatti troppi dubbi sulla causa naturale del decesso. Non ci sono altresì elementi per suffragare altre ipotesi. Una persona assolutamente normale, forse un po’ riservata, senza nessun problema con la giustizia. Ma come è possibile che nel condominio nessuno si sia accorto di nulla? Il palazzo in questione è abitato perlopiù da stranieri, che cambiano frequentemente alloggio. E il fetore proveniente dalle stanze? Ieri è stato rilevato dai vigili del fuoco che sono dovuti intervenire con i respiratori. Ma non era così eccessivo, come potrebbe essere dopo la morte di qualche giorno o settimana. Una tragedia che ha dell’incredibile.