LUCA RAVAGLIA
Cosa Fare

Presepe di Cesenatico 2022, porto canale preso d'assalto per l'inaugurazione

Tante persone, dall'Emilia Romagna e non solo, hanno partecipato all'accesione con il gruppo ‘Cardinali Eventi’ e tre artiste che si sono esibite in mezzo all'acqua

Cesenatico, 4 dicembre 2022 - E’ il principe degli eventi natalizi del territorio cesenate, perché non ci sono slitte o renne che tengano, da queste parti il clima di festa ogni anno si accende insieme al presepe della marineria di Cesenatico, un evento sempre in grado di richiamare migliaia di persone e che quest’anno si è probabilmente superato. Messo alle spalle il periodo pandemico caratterizzato dalle restrizioni anti assembramenti, oggi il porto canale è stato preso d’assalto (guarda il video) da visitatori arrivati da tutta l’Emilia Romagna e non solo, come testimoniavano i racconti dei turisti per un giorno che, dopo essersi goditi lo spettacolo, aspettavano l’arrivo dei bus per il viaggio di ritorno.

Migration

Leggi anche: Mercatini di Natale 2022 in Emilia Romagna. Da Piacenza a Rimini passando da Bologna

Dopo l’immancabile conto alla rovescia con accensione a effetto, il sipario è stato per il gruppo ‘Cardinali Eventi’ e per tre artiste suggestivamente posizionate in mezzo all’acqua del porto canale, davanti alle barche storiche, che hanno tenuto compagnia ai presenti interpretando le musiche della tradizione natalizia. Uno spettacolo arricchito da giochi di luce e di fumo, immortalato da una selva di telefonini alzati verso il cielo.

Terminata la musica, è rimasto il vero marchio di fabbrica di un allestimento senza eguali: le statue che rievocano la Natività in uno stile diverso dal solito, tematizzato in ambito marinaro: così la Sacra Famiglia prende posto nel grande trabaccolo che apre la fila, con un angelo sul pennone, la stella cometa che illumina l’albero maestro e tre delfini – altro che i cammelli – che nuotano giusto a ridosso. Seguono i Re Magi, su una barca unica e poi tutti gli altri protagonisti dell’allestimento, che non sono pastori, ma in gran parte pescatori, alle prese coi timoni, con le reti e con tutto quello che serve alla vita di mare. Ma non solo, perché a chiudere il corteo c’è la rievocazione della vita nel borgo di Cesenatico ai tempi che furono, con tanto di piccolo teatrino ambulante e un gruppetto di bambini che si godono lo spettacolo entusiasti.

L’opera è nata da un'idea di Guerrino Gardini, alla quale è seguito il progetto di Tinin Mantegazza e la realizzazione degli artisti Maurizio Bertoni e Mino Savadori. E' composta da una sessantina di statue, che hanno ormai saturato ogni posto disponibile sulle barche, tanto che anche semplicemente l’operazione di collocamento è diventato un lavoro certosino da eseguire al centimetro. L’allestimento, nato da un’idea di Tinin Mantegazza, è stato realizzato dalla maestria degli artisti Maurizio Bertoni e Mino Savadori. Le statue resteranno esposte per tutto il periodo delle festività, regalando il massimo del loro fascino al tramonto, quando a enfatizzare lo scenario si aggiunge l’illuminazione ideata ad hoc.