Bologna, 24 gennaio 2020 - "Gli ultimi squadristi rimasti sono quelli di sinistra che non danno diritto di parola... Pensate che ieri avevamo prenotato il ristorante a Bologna, un pranzo per 150 persone. Ha chiamato il padrone per dirci: ragazzi noi siamo pronti ma il pranzo non ve lo posso fare perché da stamattina mi chiamano per minacciarmi se vi faccio pranzare". E' lo stesso Salvini a raccontare il retroscena del pranzo in un ristorante in via del Porto saltato all'ultimo minuto: lo dice durante il comizio ad Altedo .

Poco prima arriva la presa di posizione a favore di Mario Cattaneo di Casaletto Lodigiano. "Io sto con Mario, al posto suo avrei fatto lo stesso. No a questa pseudogiustizia, non è amministrazione della giustizia. La difesa è sempre legittima", dice in diretta Facebook durante il giro elettorale per Bologna, commentanto la richiesta di condanna a tre anni per l'oste che sparò ai ladri, uccidendone uno. Ma subito dopo arriva una frecciata 'emiliana': "Prodi dal comodo divanetto di casa sua in centro a Bologna dà lezioni su cosa fare e come votare in Emilia-Romagna ma sono felice perché in periferia, quando sono andato al Pilastro, ho trovato mamme che mi hanno detto 'grazie, perché i politici non li vediamo mai, sono tutti in centro comodi. In prima linea contro gli spacciatori non li vediamo mai".

La lunga (e ultima, visto che sabato scatta il silenzio elettorale) giornata bolognese del leader della Lega (guarda le foto) comincia di buon mattino, al al Caffè Borbonica di via Riva Reno (VIDEO). Poi la Piazzola e il carcere della Dozza.

In carcere

Il terzo passaggio della mattinata di Salvini a Bologna è stato quello della Dozza, in carcere Salvini ha incontrato gli agenti della polizia penitenziaria, parlando delle loro richieste. "Mi dicono che ci sono 400 detenuti in più del consentito - ha detto Salvini ai cronisti ai cancelli della casa circondariale -, e che molti di loro sono extracomunitari. Ne succedono di tutti i colori. Ecco, ho studiato la soluzione e scriverò un'analisi, serve sicuramente più videosorveglianza per la sicurezza degli agenti: servirebbero 1,5 milioni di euro". A conti fatti, sostiene dunque Salvini, in Emilia-Romagna "il carcere di Reggio Emilia va chiuso, perché è pericoloso per chi ci lavora dentro ed è una vergogna che sia funzionante fra acqua, topi e muffa. Modena e Bologna invece hanno bisogno di soldi per essere sistemate". Infine, il leader leghista rimarca: "Abbiamo scoperto che il Governo sta chiedendo gli arretrati per chi dorme in caserma, fino a 600 euro a testa per persone che prendono 1.300-1.400 euro di stipendio. Mi sembra una follia". Fuori dal carcere alcuni sostenitori hanno intonato cori pro Salvini, il più utilizzato: "Uno di noi, Salvini uno di noi"

In Piazzola

Una Piazzola per Salvini, qualche sardina solitaria in contestazione. È  continuata così la mattinata del leader della Lega a Bologna. Diverse le manifestazioni d'appoggio. "Noi ti votiamo", dicono da alcuni banchi. Ma spuntano alcuni gruppetti di contestatori (VIDEO). "È solo una passerella per fare due foto", "L'Emilia-Romagna è una regione top grazie a Bonaccini". "Vieni a suonare il campanello da me", lo invitano le signore che incontra tra i banchi del mercato. "Siamo stanchi di pagarti lo stipendio", gli grida un'altra signora, beccandosi gli insulti dei sostenitori di Salvini. Un ragazzo straniero gli chiede rispetto per la Tunisia, un altro si fa una foto assieme a lui. "Fascisti", grida un anziano ingaggiando un botta e risposta con i supporters del Carroccio. E a un "vai Matteo", qualcuno risponde con un "buffone".  Lui lancia la ricetta per "salvare" la Piazzola. "So che molti banchi sono a rischio con la Bolkenstein, con noi in Regione modificheremo la situazione". 

Caffè al bar

"Facci pagare meno tasse Matteoooooo". "Hai visto cosa hanno combinato con il People Mover? Basta Pd". Babà e Carlino, inizia il tour tra la gente. Pioggia di selfie con le persone presenti nel bar, stavolta il caffè non è stato negato come a Casalecchio, anzi. Pacche sulle spalle e un abbraccio ai pasticcieri, prima di tuffarsi in Piazzola (VIDEO) per un giro al mercato. Qualche battuta con i cronisti: "Domenica starò con i miei figli, la sinistra avrà una brutta sorpresa. Ho sensazioni straordinarie. Da lunedì penso che cambieranno tante cose e il Pd e Grillo raccoglieranno nelle urne quello che hanno donato in questi mesi, ovverosia poco. Chi è al governo deciderà se rimanere chiuso nel palazzo e attaccato alla poltrona o prendere atto del fatto che l'Italia chiede altro".

Matteo Salvini è poi entrato in visita ala carcere della Dozza (VIDEO).