Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
12 apr 2022

"Cantieri e disagi: non è mai un buon momento"

L’assessore Bosi dopo le proteste dei commercianti: "Ma avremo una città più bella, attrattiva e sicura"

12 apr 2022
L’assessore ai Lavori pubblici Andrea Bosi
L’assessore ai Lavori pubblici Andrea Bosi
L’assessore ai Lavori pubblici Andrea Bosi
L’assessore ai Lavori pubblici Andrea Bosi
L’assessore ai Lavori pubblici Andrea Bosi
L’assessore ai Lavori pubblici Andrea Bosi

Sono giorni di passione in corso Canalchiaro. I (troppi) cantieri per il restyling del manto stradale fanno infuriare i commercianti e, come se non bastasse, sono partiti altri lavori di ripavimentazione in via Canalino, tra le vie dei Servi e via Carandini. Insomma, il cuore cittadino è ‘in movimento’ nel vero senso della parola, e sarà così anche nei prossimi mesi quando partiranno ulteriori interventi. Sulla scia delle nuove proteste, l’assessore ai Lavori pubblici Andrea Bosi, prova a gettare acqua sul fuoco, rassicurando il tessuto economico, pur consapevole dei disagi.

Era possibile programmare diversamente i cantieri? Pensa che i benefici, anche per quanto riguarda il turismo, compenseranno i sacrifici?

"Da quando mi occupo di riqualificazioni stradali ho notato che non c’è mai un periodo giusto: i lavori creano senz’altro criticità ma, per avere una città più bella, attrattiva e sicura, devono essere fatti e l’interesse pubblico è prioritario. Le tante riqualificazioni realizzate negli ultimi due anni hanno abbracciato tutte le stagioni in cui è possibile lavorare e i disagi sono sempre stati lamentati, anzi: in corso Canalchiaro, a differenza di altre strade, sono presenti i portici su entrambi i lati, che non vengono impattati dai lavori. Gli interventi hanno effettivamente una durata significativa, perché comprendono la sostituzione di tutti le reti dei sottoservizi e perché, lo sappiamo, scavando in centro c’è sempre l’incognita di possibili complicazioni. Una volta conclusa la riqualificazione, però, tutti – residenti, esercenti e turisti – hanno sempre espresso apprezzamento".

I commercianti stanno vivendo una fase di ripresa difficile. Si sente di rassicurarli?

"Il rilancio del commercio può passare anche attraverso la riqualificazione degli spazi pubblici su cui i negozi si affacciano, cosa che peraltro si è verificata in tutti i luoghi già riqualificati in questi anni, come piazza Roma, corso Duomo e piazza Mazzini. Siamo ben consapevoli che il commercio sta uscendo da una fase complicata, ma Modena ha tutte le caratteristiche per creare quella sinergia utile a innescare una nuova fase virtuosa per la vita e le attività del centro storico".

I cantieri in corso potrebbero limitare lo svolgimento di alcune iniziative estive?

"Le attività di somministrazione di cibi e bevande che usufruiscono delle possibilità di ampliamenti dehors hanno portici e piazze non interessate dai lavori. Abbiamo avuto periodi con una maggiore concentrazione di cantieri e le iniziative si sono comunque svolte, contribuendo a rendere vivo e vivace il cuore della città".

Le strade più interessate dai cantieri potrebbero beneficiare di iniziative ‘speciali’ (eventi o altro) per garantire comunque un certo tipo di passaggio?

"Certamente l’Amministrazione è disponile a valutare sia iniziative collettive specifiche con gli esercenti di zona che intendono realizzarle, sia eventuali indennizzi a parziale ristoro dei disagi che possono derivare da ritardi nei lavori, in coerenza con la delibera consiliare di riferimento".

Vincenzo Malara

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?