E’ stato un vero e proprio "novembre nero" per la linea ferroviaria Vignola – Bologna. E dicembre non va meglio, con tanti disagi in entrambe le prime due giornate. A denunciarli è l’associazione "In prima classe per Bologna - Vignola", con il presidente Maurizio Quartieri che spiega: "In novembre è stato un disastro: il 10 il treno 91801 fermo in linea per guasto alla trazione, il 15 il treno delle 20,18 da Bologna fermo a Crespellano per almeno 15 minuti, senza alcun supporto nella comunicazione della causa del ritardo; il 23 il treno 91805 è stato soppresso all’ultimo istante perchè il personale di servizio non si è presentato. Cancellato anche l’accoppiato da Vignola alle 7.51. Nell’occasione non è stato organizzato alcun bus sostitutivo. L’altro ieri, il treno 91800 è stato fermo a Bazzano per un guasto al deviatoio. I passeggeri sono stati fatti scendere e sono ripartiti dopo oltre 30 minuti. Ieri, a causa dell’abbattimento di sbarre del passaggio a livello tra Vignola e Bazzano, alcuni treni hanno fatto servizio solo daper Bazzano".