Scontri allo stadio Euganeo, altri due tifosi arrestati a Catania: avevano già ricevuto i Daspo

Sono 8 finora gli ultras che dovranno rispondere di violenza, resistenza e invasione di campo durante la partita di Coppa Italia di serie C tra Padova e Catania

Scontri tifosi durante Padova-Catania

Scene da guerriglia urbana allo stadio Euganeo durante la finale di andata di Coppa Italia di Serie C Padova-Catania, 19 marzo 2024. Un gruppo di ultras siciliani, durante l'intervallo, ha sfondato il cancello del proprio settore entrando nella tribuna occupata dai biancoscudati, lanciando fumogeni e distruggendo gli striscioni. Altri hanno fatto invasione di campo, lanciando da lì i petardi. Immediato l'intervento delle forze di polizia, con cariche nella curva nord per fermare la violenza. FERMO IMMAGINE SKY SPORT +++ ATTENZIONE LA FOTO NON PUO' ESSERE PUBBLICATA O RIPRODOTTA SENZA L'AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE DI ORIGINE CUI SI RINVIA+++ NPK +++

Padova, 21 marzo 2024 – Diventano otto i tifosi arrestati per gli scontri allo stadio Euganeo avvenuti martedì scorso durante l'intervallo della finale di andata della Coppa Italia di Lega Pro tra il Calcio Padova e il Catania. Altri due ultras etnei, dopo i sei di ieri, ritenuti anch'essi responsabili dei tafferugli sono stati arrestati dalla polizia a Catania nell'ambito dell'attività di polizia giudiziaria delle Digos delle Questure di Catania e Padova.

Approfondisci:

Scontri alla partita Padova-Catania: 6 tifosi arrestati, 8 poliziotti feriti. Un agente è in terapia intensiva

Scontri alla partita Padova-Catania: 6 tifosi arrestati, 8 poliziotti feriti. Un agente è in terapia intensiva

Gli arresti

I due tifosi arrestati a Catania sono un 34 enne e un 42 enne, entrambi con precedenti di polizia specifici e già sottoposti in passato a Daspo. Nel corso di una perquisizione sono stati trovati in uno zaino gli oggetti che sarebbero stati utilizzati per coprirsi e nascondere la propria identità. Anche questi due ultras sono ritenuti responsabili dei reati di violenza e resistenza aggravata a pubblico ufficiale, di scavalcamento ed invasione di campo in occasione di manifestazioni sportive. Proseguono gli approfondimenti e gli accertamenti da parte delle Digos di Catania e Padova per la contestualizzazione delle singole condotte anche ai fini dell'adozione dei provvedimenti di Daspo.