Quotidiano Nazionale logo
23 gen 2022

Badia, la ricetta di Fratini: "Impegno e lavoro per crescere"

Ha iniziato nel Cus Ferrara, poi è passato al Rovigo under 18, per continuare a Parma dove ha esordito nell’Overmach

Nicolò Fratini, impiegato nell’azienda Zhermack di Badia Polesine, è stato una pedina fondamentale nelle ultime tre gare del Badia
Nicolò Fratini, impiegato nell’azienda Zhermack di Badia Polesine, è stato una pedina fondamentale nelle ultime tre gare del Badia
Nicolò Fratini, impiegato nell’azienda Zhermack di Badia Polesine, è stato una pedina fondamentale nelle ultime tre gare del Badia

Passione. Dedizione. Sacrificio. Esempio. Sono solo alcune caratteristiche di chi sceglie di far parte di una squadra di rugby formata da atleti non professionisti. Nicolò Fratini, impiegato nell’azienda Zhermack di Badia Polesine, è stato una pedina fondamentale soprattutto nelle ultime tre partite disputate, dove grazie alla sua precisione al piede, ha permesso alla Borsari Rugby Badia di concretizzare le azioni della squadra e quindi di vincere gli incontri. Il mediano d’apertura, classe 1990, ha iniziato il suo percorso sportivo nel Cus Ferrara, poi è passato a Rovigo in Under 18, per continuare a Parma dove ha esordito nell’Overmach. In seguito è arrivato a Badia, dove ha giocato tre stagioni, prima di approdare a Rovigo nel 2013-2014. Dalla stagione successiva è tornato a Badia dove gioca attualmente. E’ arrivato a Badia 12 anni fa, quando ne aveva 20. Com’era stato inserirsi nel gruppo di allora? "Sono arrivato a Badia con Piero Tellarini come allenatore. Il suo obiettivo era quello di farci sentire un gruppo, quindi per noi giovani è stato facile integrarci nella squadra sentendoci parte di essa". La squadra di quest’anno ha diversi giovani. Che differenze ha notato rispetto a quando alla loro età è arrivato a Badia? "Sicuramente ci sono differenze. L’aspetto che più salta all’occhio è il fatto che siano un po’ più spavaldi di come lo eravamo noi. Sono comunque sempre rispettosi del gruppo". Con il passare degli anni si è conquistato il posto da titolare ed ora è considerato un leader nel gruppo dei trequarti. Come ha conquistato questa continuità? "Ho acquisito questa continuità grazie alla fiducia che mi hanno dato il presidente Massimiliano Dolcetto, il direttore sportivo Matteo Equisetto e gli allenatori Alessandro Lodi e Joe Van Niekerk. Nonostante la difficoltà che ho di conciliare lavoro e allenamenti, tutti sono stati sempre disponibili e pazienti ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?