FIANCO A FIANCO Il tecnico Pizzo e patron Benasciutti
FIANCO A FIANCO Il tecnico Pizzo e patron Benasciutti
E’ arrivata, anche, la prima vittoria casalinga del Rovigo in campionato. Sì, perché mancava solo quella, al Gabrielli, dopo un pareggio e una sconfitta, mentre fuori casa il Rovigo di Pizzo, non ha ancora steccato una volta. Senza contare il percorso perfetto fatto in Coppa, dopo i biancazzurri sono approdati ai sedicesimi di finale, che si giocheranno il 30 ottobre, contro l’Aqus Borgo Veneto, maramaldeggiata proprio domenica al Gabrielli. Dove, le quasi 200 persone presenti, hanno assistito a 4...

E’ arrivata, anche, la prima vittoria casalinga del Rovigo in campionato. Sì, perché mancava solo quella, al Gabrielli, dopo un pareggio e una sconfitta, mentre fuori casa il Rovigo di Pizzo, non ha ancora steccato una volta. Senza contare il percorso perfetto fatto in Coppa, dopo i biancazzurri sono approdati ai sedicesimi di finale, che si giocheranno il 30 ottobre, contro l’Aqus Borgo Veneto, maramaldeggiata proprio domenica al Gabrielli. Dove, le quasi 200 persone presenti, hanno assistito a 4 gol che portano la firma di Zaghi, specialista dagli undici metri, di Ochoa e dal primo gol in campionato di De Simone, schierato titolare da mister Pizzo. "E’ una delle note più positive della vittoria – dice il tecnico biancazzurro –. Le qualità di Armando, sono indiscutibili e domenica ne abbiamo avuto prova. E’ ovvio che deve ancora trovare la migliore condizione e quando entrerà a pieno regime con gli allenamenti ne gioveremo tutti. Oltre alla sua prestazione positiva, mi è piaciuta anche la prova di Zaghi (che ha realizzato due reti su rigore), per come si è mosso e per l’apporto dato alla squadra. Certo, dobbiamo ancora migliorare e sfruttare meglio le occasioni che ci capitano. Anche domenica, il primo tempo avremmo potuto chiuderlo con un ampio margine e non solo con una rete". Entrambe le formazioni arrivavano dall’impegno di Coppa, dove entrambe avevano passato il turno, ma il Rovigo è apparso fin da subito superiore, con i padovani, allenati dal polesano Trambaiolli, in difficoltà. La squadra che gioca a Saletto è l’unica del girone ancora senza un punto, anche se anche a Rovigo, mancava qualche giocatore per infortunio. Anche il Rovigo era privo di giocatori importanti, come capitan Camalori, De Venz, Zamberlan, Iacovino e con Galassi in panchina ma non disponibile. Per la gara di domenica contro l’Ospedaletto? "Torna ad allenarsi Iacovino che lunedì ha tolto i punti di sutura alla testa dopo lo scontro aereo nella partita con La Rocca, e dovrebbero cominciare ad allenarsi Camalori e Zamberlan, ma quasi sicuramente non saranno utilizzabili, non volendo forzare i tempi di rientro". Prossima trasferta ad Ospedaletto Euganeo che domenica ha pareggiato contro LA Rocca e che ha quattro punti in classifica. I padovani, domani giocano il recupero della prima giornata ospitando la Fiessese che, in caso di vittoria, salirebbe al primo posto solitario del girone E . Il Rovigo, con la vittoria di domenica, è ora quinto a tre punti dall’attuale coppia di testa formata da Solesinese e Euganea Rovolon.

c. a.