Porto, ruolo strategico: "Anche e sempre più per importazioni di nuovi vettori energetici"

Lo ha dichiarato il ceo di Snam, Stefano Venier all’Omc

Porto, ruolo strategico: "Anche e sempre più per importazioni di nuovi vettori energetici"
Porto, ruolo strategico: "Anche e sempre più per importazioni di nuovi vettori energetici"

"Andrà consolidandosi il ruolo strategico del porto della città, anche e sempre più dal punto di vista delle importazioni di nuovi vettori energetici. Un potenziale a cui certamente contribuirà anche il Progetto Agnes - Offshore wind per veicolare volumi significativi di idrogeno verde". Lo ha dichiarato il ceo di Snam, Stefano Venier, a margine dell’incontro inaugurale di Omc Med Energy a Ravenna.

"L’entrata in funzione a Ravenna del nuovo rigassificatore entro la fine dell’anno prossimo assieme al terminale di Rovigo, porterà la nostra capacità di importazione di Gnl fino a coprire il 20% dei consumi nazionali" sul versante adriatico che, insieme alle navi posizionate sul Tirreno, salirà al 40%. Ravenna è centrale nello sviluppo del Paese. "La vocazione di Ravenna a capitale italiana dell’energia risale ai primi anni Sessanta, quando vennero scoperte enormi riserve di gas a terra e al largo delle sue coste – ha sottolineato Venier –. Nel corso dei decenni l’importante distretto industriale ha contribuito a rafforzare il ruolo dell’Italia come ponte naturale tra Europa e Africa. Oggi, Ravenna rappresenta il trampolino di lancio per i primi progetti italiani di decarbonizzazione che spaziano dalla CCS all’eolico offshore e all’economia circolare, che fanno di Ravenna e dell’Italia un importante laboratorio di transizione energetica".

Anche Fulvio Mamone Capria, presidente di Aero, l’associazione delle energie rinnovabili offshore presente all’evento ravennate ha parlato del progetto Agnes. "Siamo molto soddisfatti che il presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, al convegno a Ravenna sulla presentazione dei 30 anni di Omc Med Energy, abbia citato il progetto di eolico offshore, della Agnes srl progettato al largo di Ravenna, accreditandolo come un esempio virtuoso per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione e di sviluppo sostenibile del Paese", ha commentato. "L’evoluzione nella produzione di energia rinnovabile vede nell’eolico offshore la sfida tecnologica e innovativa più ambiziosa per l’Italia", ha proseguito Mamone Capria. "Siamo certi che il Governo, con l’annunciato Decreto legge Energia, sappia rispondere alle esigenze richieste dal settore in termini di logistica portuale e di strategia industriale per la filiera delle rinnovabili dal mare", ha concluso.