Morto Patrizio Zunica, addio a un simbolo della Quintana di Ascoli

Il sestiere di Porta Solestà e tutto il mondo della rievocazione piangono il console e storico tamburino gialloblù: "Sempre pronto a dare una mano"

Patrizio Zunica
Patrizio Zunica

Ascoli, 22 agosto 2023 – Ha salutato tutti in punta di piedi. Il sestiere di Porta Solestà e la Quintana piangono un simbolo della rievocazione ascolana. E’ morto Patrizio Zunica, console gialloblù e storico tamburino. Aveva 67 anni e aveva dedicato tutta la sua vita a quel sestiere che ha tanto amato e che, per lui, rappresentava la sua seconda famiglia.

Approfondisci:

Mazzone, lunghissimo applauso e cori al funerale. “Maestro di calcio e di umiltà”

Mazzone, lunghissimo applauso e cori al funerale. “Maestro di calcio e di umiltà”
Approfondisci:

Boom di visualizzazioni sui social Numeri da record per la Quintana

Boom di visualizzazioni sui social Numeri da record per la Quintana

La prima, di famiglia, era quella composta dall’inseparabile moglie Concezia, le figlie Pia e Melania, oltre ai suoi affezionati nipoti Riccardo, Federico, Achille e Ulisse. Malato da qualche tempo, le sue condizioni di salute erano peggiorate nel corso delle ultime settimane. Quest’anno non era riuscito a partecipare alle Quintane, ma aveva stretto i denti per essere presente al saluto alla Madonna della Pace, lo scorso 7 luglio, a piazza Sant’Agostino, alla vigilia della giostra in notturna. E’ stata, quella, la sua ultima uscita pubblica nelle vesti di console.

Approfondisci:

L’anno di Melosso: ecco il tris Innocenzi cade al Palio dei Colombi

L’anno di Melosso: ecco il tris Innocenzi cade al Palio dei Colombi

Patrizio Zunica entrò per la prima volta nel sestiere a metà degli anni Settanta. In poco tempo divenne capo dei tamburini, poi è stato anche consigliere nel comitato di sestiere e nel marzo del 2016, dopo la morte di Emilio Nardinocchi avvenuta nel giugno del 2015, fu eletto console.

"Perdo un fratello – commenta, con un filo di voce, il caposestiere Attilio Lattanzi -. Patrizio è stato e resterà un esempio per la Quintana. Se ne va una persona di altri tempi. Il dolore è grande, sia mio personale che di tutto il sestiere". "Patrizio è stato un grande uomo pieno di bontà – prosegue Luigi Lattanzi, ex caposestiere gialloblù -. Per me un grande amico ed un fratello con cui ho condiviso tanti anni di vita".

A ricordare Patrizio, poi, anche il sindaco Marco Fioravanti, che lo ha definito "esempio di fede, passione e amore verso i propri colori e verso i valori della nostra Quintana". All’interno del sestiere di Porta Solestà, Zunica ha contribuito a far crescere intere generazioni di sestieranti. Sempre umile e disponibile, non rinunciava mai a dare una mano. Ad ogni cena lo si vedeva in cucina, destreggiarsi ai fornelli, ma anche passare lo straccio e dispensare sorrisi a chiunque gli capitasse affianco. Era molto amato anche a Venarotta, il paese nel quale si era trasferito dopo il matrimonio facendosi subito apprezzare da tutti. "Patrizio ha vissuto gli ideali della nostra rievocazione e l’amore per Ascoli – scrive, in una nota, la Quintana -. Se ne va un grande sestierante ma, soprattutto, un vero quintanaro". Il funerale oggi alle 15.30 a San Giacomo della Marca .