Ascoli, 15 maggio 2018 - Migliaia di ascolani hanno assistito quest’oggi al passaggio in città della 10^ tappa del Giro d’Italia, edizione numero 101. Grazie alla clemenza delle condizioni meteo, la Corsa Rosa è stata accompagnata lungo il tragitto cittadino da tanto entusiasmo: dai più ‘nostalgici’, amanti dei beniamini del passato, ai giovani, passando per i piccoli alunni di quelle scuole che, stando sul cammino, hanno anticipato il suono dell’ultima campanella.

image
La lunga carovana colorata  è entrata nel territorio di Ascoli intorno alle 13,30 percorrendo dal teramano la via Piceno Aprutina, attraversando la periferia est della città: dal Rione Castagneti fino a San Filippo e Giacomo, quindi via Napoli (qui tra gli spettatori anche il sindaco Castelli), via Adriatico prima di imboccare la superstrada Ascoli-mare in direzione monti dove ha svoltato al bivio per Roccafluvione per raggiungere il maceratese e l’arrivo di Gualdo.

Dopo il cordone di sicurezza, la platea ha potuto ammirare la minifuga di Tony Martin, ripreso dal nutrito gruppo di inseguitori appena usciti dalla città. Quindi, più distaccati, altri due gruppi, con l’ultimo rimasto ben più staccato per via di una caduta. Entusiasmo anche in piazza Arringo, sede di una breve sosta della carovana pubblicitaria con spettacoli e gadget a tutti gli appassionati.

GIRO_31104161_150845
Qualche disagio, infine, per gli automobilisti, malgrado nei giorni scorsi l’avvertimento sulle disposizioni sia a mezzo stampa che con la segnaletica: numerose le contravvenzioni per divieto di sosta, soprattutto a via Napoli, dove è stata rimossa anche qualche auto, così come le contestazioni di chi non è potuto passare al blocco dei vigili urbani. Il traffico, chiuso intorno alle 12,30, è stato comunque ripristinato già alle 14.