Bologna, 11 agosto 2018 - Il giorno più vacanziero dell’estate è arrivato. E, come ci insegnò nell’antichità la Roma Imperiale (la festività era infatti dedicata al riposo di Augusto), il 15 agosto è dedicato a gite fuori porta e scampagnate in montagna o al mare, in città o al parco: l’importante è stare insieme, in famiglia o con gli amici e mangiare cose buone e sfiziose, tanto, poi, si potrà fare un sonnellino, magari col plaid posato a terra.

Tirate quindi fuori i cestini da picnic con tutto l’occorrente, la tovaglia a quadrettoni, i contenitori di qualsiasi materiale, basta che piaccia a voi, e poi tenuta leggera e un bel posto dove stare. Se, come suggerisce il nostro chef Luca Giovanni Pappalardo di ‘Pane e Panelle’, cui abbiamo chiesto consigli per un menu da spensieratezza nell’erba, volete lavorare anche sul look, sui calici e sullo champagne, fate pure. Il suggerimento dello chef in questo caso è cappello di paglia, bretelle, pantaloni di fustagno, camicia di lino per lui e e per lei abitino di cotone o pantaloni freschi e camicia annodata. Lui intanto pensa a suggerire il cibo giusto.

Se invece siete del partito della grigliata, serviti su un vassoio d’argento troverete i consigli di Marco Carati, chef del suo Vâgh íñ ufézzí, che ha una vera e propria passione per questo tipo di cottura, declinata per carne, pesce e verdure, a seconda dei vostri gusti o riti culinari. Con lui scopriamo un po’ di trucchetti tra marinature e cotture, per la grigliata perfetta.

Infine, perché c’è anche chi il giorno di Ferragosto invita tutti a casa, abbiamo interpellato una grande chef, Irina Steccanella, ai fornelli dell’agriturismo Mastrosasso di Savigno. La sua è sempre una delle migliori cucine bolognesi che si trovano in circolazione e la marcia in più, è che potete mangiare tortellini o friggione e sentirvi comunque leggeri. Il fatto è che Steccanella non usa lo strutto, forse qualcuno si dispiacerà, ma a noi pare proprio una scelta azzeccata, soprattutto perché la sua maestria, sta nel non farvi sentire la mancanza del gusto, dei sapori veri e spettacolari. Dall’antipasto al dolce, il pranzo di Ferragosto è servito.

Clicca qui sotto e sfoglia le ricette e i consigli degli chef

PIC NIC: NEL CESTINO TONNO E CHAMPAGNE