Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
8 giu 2022

I programmi sono simili, serve scegliere la persona

8 giu 2022

1) Dobbiamo sostenere le attività agricole e industriali del territorio. Io credo che qualcosa di più si possa fare, avremo certamente un occhio di riguardo per le attività economiche. Il ramo imprenditoriale è molto importante: abbiamo in programma una serie di azioni concrete, mirate al sostegno delle attività del territorio. L’azzeramento della Tari è senza dubbio una manovra importante, da valutare.

2) Bisogna essere vicini ai cittadini delle frazioni attraverso l’attuazione di alcune manovre dedicate. È ora di avere una visione diversa delle cose, con un’attenzione massima per i cittadini che si trovano decentrati e che spesso, anche per una questione anagrafica, sono più fragili e bisognosi di azioni mirate. Io voglio immaginare una politica che eviti lo spopolamento delle frazioni.

3) Il problema della mobilità esiste e bisogna analizzare soluzioni per aggirarlo. Ci si ritrova sempre a fare il giro dell’oca per raggiungere qualsiasi meta, sia le frazioni sia i paesi limitrofi e, ovviamente, Bologna. È ora di mettere in atto alcune soluzioni.

4) L’uscita dall’Unione Terre di Pianura è stata una scelta non obbligata, ma dal nostro punto di vista giusta. Siamo d’accordo sul fatto che fosse la cosa più corretta da fare, se fossimo stati al governo della città avremmo fatto la stessa scelta. Fra Comuni non ci possono più essere gemellaggi del genere, perché ogni territorio ha le proprie esigenze e diverse caratteristiche. Ogni Comune è una realtà a sé e non funzionano tutti allo stesso modo.

5) Il sindaco viene scelto dall’elettore, certo, sul programma elettorale, ma spesso questi sono molto simili. Perciò si deve valutare la persona. Ci si deve affidare al singolo. I programmi si assomigliano in alcune cose, ma si distinguono anche su alcuni punti salienti. Ci sono semplicemente visioni delle stesse cose del tutto diverse. Bisogna avere a cuore il futuro del proprio Comune e, dunque, affidarsi ad un sindaco che dia fiducia.

z. p.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?