ANGELA CARUSONE
Cronaca

Cos’è la scatola nera di una centrale idroelettrica e quali informazioni contiene

Il sistema Scada potrebbe fornire indicazioni sulle cause del disastro di Suviana, ora è in mano agli inquirenti. Il suo funzionamento spiegato in modo semplice dal professor Gianluca Palli dell’Università di Bologna

Bologna, 12 aprile 2024 – Ad aiutare le autorità a capire cosa è successo nella centrale idroelettrica sul lago di Suviana, sull’Appennino bolognese, potrebbe essere il ‘sistema Scada’ (Supervisory control and data acquisition), una sorta di scatola nera che – come dichiarato dall’ad di Enel Green Power Salvatore Bernabei in conferenza stampa – sarebbe già in mano all’autorità giudiziaria.

Approfondisci:

Il peso della tragedia di Suviana: colleghi morti e macerie, sviene dopo 72 ore di soccorsi estenuanti

Il peso della tragedia di Suviana: colleghi morti e macerie, sviene dopo 72 ore di soccorsi estenuanti

Ma cosa è il sistema Scada? Lo abbiamo chiesto al professor Gianluca Palli, docente di Automazione e Robotica all’Università di Bologna.

Il professor Gianluca Palli spiega la funzione della scatola nera nelle centrali idroelettriche
Il professor Gianluca Palli spiega la funzione della scatola nera nelle centrali idroelettriche

Palli, il sistema Scada cos’è? E a cosa serve?

“Spiegandolo in maniera più semplice possibile, il sistema Scada è uno strumento che controlla, supervisiona e acquisisce i dati di un impianto, permettendo agli utenti di verificarne il funzionamento e registrarne i dati in quella che viene spesso definita scatola nera. E’ il sistema che permette all’utente di un qualsiasi impianto di tenere sotto controllo la situazione. In caso di anomalie, dovrebbe registrarne le cause”.

Approfondisci:

L’obiettivo è svuotare la centrale di Suviana: idrovore al massimo e nuove linee

L’obiettivo è svuotare la centrale di Suviana: idrovore al massimo e nuove linee

Come è fatto? Che informazioni contiene?

“E’ composto da diverse parti, come ad esempio sensori che raccolgono informazioni e dati, e indicatori che presentano tutto all’operatore in modo facilmente leggibile e comprensibile. Le tecnologie utilizzate possono essere molto diverse, perché spesso sono legate a quando l'impianto è stato realizzato. Negli impianti più recenti questi sistemi sono stati adeguati alle nuove tecnologie, con software e display molto avanzati, e in grado di fornire informazioni molto precise.”

Approfondisci:

Cosa sappiamo dell’esplosione a Suviana: perché c’è chi si è salvato (grazie ai segnali di allarme)

Cosa sappiamo dell’esplosione a Suviana: perché c’è chi si è salvato (grazie ai segnali di allarme)

E’ un sistema che riesce anche a dare un allarme in caso di anomalie?

"Solitamente al sistema Scada è associato anche un sistema di allarme. Mi spiego meglio, se per qualsiasi motivo nell’impianto succede un evento tale per cui qualcosa esce dai limiti operativi, viene tutto registrato. In situazione critiche, il sistema di sicurezza deve entrare in azione per evitare danni irreversibili".

Esistono sistemi Scada specifici per centrali idroelettriche?

"In linea generale è un sistema Scada viene realizzato ad hoc per l’impianto sul quale deve essere installato, e prima di entrare in funzione viene collaudato e certificato per garantirne il corretto funzionamento. Sono sistemi presenti non solo sulle centrali idroelettriche o elettriche in generale. Li troviamo anche su numerosi impianti di produzione industriale e nei sistemi ferroviari”.

E dove viene collocato solitamente?

"Tutto dipende da come è strutturato l’impianto. Tipicamente sono l'elemento caratterizzante della cosiddetta sala di controllo, ma i sistemi di misura sono poi distribuiti in tutto l'impianto. In ogni caso il sistema deve essere sempre accessibile agli operatori specializzati”.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro