Savignano, sfida finale tra Dellapasqua e Sarti

Ballottaggio, seggi aperti oggi dalle 7 alle 23 e domani dalle 7 alle 15, al voto 13.774 aventi diritto, fuori chi è diventato maggiorenne dopo l’8 giugno .

Savignano, sfida finale tra Dellapasqua e Sarti

Savignano, sfida finale tra Dellapasqua e Sarti

Domani pomeriggio i cittadini di Savignano sul Rubicone sapranno chi sarà l’undicesimo sindaco a governare la città. Chi riuscirà a varcare il Rubicone fra Nicola Dellapasqua (centrosinistra) e Lorenzo Sarti (centrodestra) e pronunciare la fatidica frase di Giulio Cesare "Alea iacta est", "Il dado è tratto"? Il primo sindaco fu Dario Galeffi eletto il 23 ottobre 1944. Poi Dario Pirini, Luigi Bernardini, Umberto Teodorani, Carlo Sarpieri, Giancarlo Nanni, Mauro Bertozzi, Sergio Gridelli, Elena Battistini e Filippo Giovannini. Grande attesa a Savignano sul Rubicone, unico comune della provincia dove oggi, dalle 7 alle 23, e domani, dalle 7 alle 15, i cittadini, 13.674 aventi diritto al voto, dei quali 6.705 maschi e 6.969 femmine, saranno chiamati al voto per il ballottaggio. Niente voto per chi in queste due settimane ha compiuto 18 anni, perchè gli elettori restano quelli del 9 giugno. Al primo turno nessuno dei tre candidati aveva raggiunto la maggioranza assoluta del 50.01% e così i due più votati Nicola Dellapasqua con 3.855 voti pari al 48.31% e Lorenzo Sarti con 2.726 voti pari al 34.16% si scontreranno oggi e domani. Niente da fare per il terzo candidato Luca Pirini che aveva ottenuto 1.398 voti pari al 17.52%.

Nicola Dellapasqua, 36 anni vicesindaco da dieci anni, ha l’appoggio di Pd, Movimento 5 stelle, Italia Viva, Sinistra per Savignano, lista civica dei giovani "Savignano Insieme" e "Patto per Savignano-Azione e Pri".

Lorenzo Sarti ha l’appoggio dei partiti del centrodestra Fratelli d’Italia, Lega, Forza Italia e Noi Moderati.

Ermanno Pasolini