Quotidiano Nazionale logo
29 apr 2022

Senigagliesi, stagione top "Ora serve più cattiveria"

L’esterno della Recanatese si conferma un incubo per i difensori avversari "Il mio rendimento è merito di Pagliari: ti dice sempre in faccia ciò che pensa"

andrea verdolini
Sport
L’esterno settempedano Luca Senigagliesi, 24 anni, sta vivendo una grande stagione
L’esterno settempedano Luca Senigagliesi, 24 anni, sta vivendo una grande stagione
L’esterno settempedano Luca Senigagliesi, 24 anni, sta vivendo una grande stagione

di Andrea Verdolini

Luca Senigagliesi, ossia una sorta di incubo per i difensori, l’ultimo Zanolla del Fano che non ci avrà dormito la notte, pensando e ripensando al suo avversario che lo saltava sistematicamente con una facilità imbarazzante. In realtà il ragazzotto granata è stato soltanto l’ultimo di una lunga serie e non gli vanno nemmeno addebitati troppi demeriti perché l’esterno giallorosso, dall’inizio della stagione, è "assistito" da uno straordinario stato di forma fisica e mentale.

C’è stato qualcuno che le ha davvero creato problemi?

"L’unico è il mio compagno Somma – dice scherzando – che sulla catena di destra può provocare qualche disagio. Dico invece che il suo contributo è preziosissimo".

Ha mai avuto una condizione del genere, anche in passato e da cosa è dovuta?

"Credo che una parte fondamentale del tutto vada al nostro allenatore. C’è totale sintonia di tutto il gruppo con lui: è un grande tecnico e una persona altrettanto valida che ti dice in faccia ciò che pensa ed è stato chiarissimo sin da subito nel dire che avrebbero giocato coloro che meritavano. Le sue parole si sono puntualmente verificate da 30 giornate a questa parte. Personalmente ho sempre la sensazione di potermi rendere pericoloso e realizzare reti in qualsiasi circostanza e questa è una considerazione che ho fatto solo in questa stagione". Sinora il bottino di Senigagliesi, 24 anni compiuti a febbraio, è di 6 reti in campionato ed una in Coppa: "Ma c’è spazio per arrotondare, in fondo mancano 5 partite e non vorrei fermarmi".

Domenica scorsa è uscito un po’ malconcio dopo un’ora di gioco sostituito da Giampaolo…

"È solo una botta, conseguenza di un leggero infortunio subito contro il Porto d’Ascoli, niente di grave comunque".

La classifica dice che se uscite con un bottino di punti adeguato dalla doppia trasferta che vi attende è praticamente fatta…

"Non correrei troppo, la matematica suggerisce che di punti, per essere tranquilli ne dobbiamo fare 6. Questa è la nostra mentalità e proprio ora la dobbiamo ulteriormente ribadire. Il mister ha pienamente ragione: è adesso che dobbiamo essere, sportivamente, più cattivi. C’è grande volontà e determinazione da parte di tutti e lo certifica il fatto che proprio in questa settimana, dove non abbiamo partite nel weekend, lavoriamo ancora più duramente per farci trovare pronti per i prossimi impegni". Non si molla insomma nemmeno di un centimetro.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?