Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
13 giu 2022

Elicottero caduto, la scatola nera non c’è

Il responsabile del Soccorso alpino: "In questo tipo di velivoli non è prevista". Disposta l’autopsia: si indaga per omicidio e disastro colposi

13 giu 2022
gianpaolo annese
Cronaca

Modena, 13 giugno 2022 - "Non sarà facile stabilire le cause dell’incidente perché in questo tipo di elicotteri non è prevista la scatola nera, è regolare che non ci sia". La considerazione è del responsabile del Soccorso alpino Monte Cusna Luca Pezzi impegnato anche ieri con i suoi uomini a ’scortare’ il sopralluogo da parte di un tecnico dell’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo (Ansv) nel cratere sotto il Monte Cusna, dove nel torrente Rio Lama – in un punto impervio e irraggiungibile a piedi tra i rifugi Segheria e Battisti – sono stati trovati sabato mattina i detriti e i cadaveri del pilota italiano Corrado Levorin e dei sei manager stranieri a bordo dell’elicottero Augusta Koala che da Lucca era diretto nel Trevigiano.

Leggi anche: Elicottero caduto notizie, test del dna per capire l’identità dei cadaveri

Elicottero caduto
Elicottero caduto
Approfondisci:

Elicottero caduto, le foto dei rottami sul Monte Cusna

Elicottero caduto sul Monte Cusna, le prime foto dei rottami
Elicottero caduto sul Monte Cusna, le prime foto dei rottami

La tecnica è stata quella alpina dell’utilizzo delle corde e delle carrucole per calare a un’altezza di 60 metri tecnici e soccorritori. Sul posto anche gli uomini del soccorso alpino della Guardia di finanza e del Saf dei vigili del fuoco.

L’operazione rientra negli accertamenti disposti dalla procura di Reggio, il magistrato è Marco Marano: ordinate anche le autopsie dei corpi che potrebbero rivelare qualcosa in più sulle cause dell’incidente. Le salme si trovano all’obitorio di Modena. Il fascicolo aperto, passato da Lucca a Reggio per competenza, è per disastro colposo e omicidio colposo. Al momento a carico di ignoti. I punti da chiarire sul disastro restano diversi. Se le condizioni meteo abbiano influito, se ci siano stati problemi di altro tipo, se si sia trattato di mera fatalità o se ci siano invece delle responsabilità. Insomma se la tragedia poteva essere evitata.

"Al momento non è possibile andare oltre le mere ipotesi – è la riflessione di Pezzi – una delle possibilità è che l’elicottero possa aver tentato di aggirare la perturbazione in corso con una manovra che poi si è rivelata fatale. Meno probabile riteniamo che sia stato un fulmine a colpirlo". Ma l’accertamento, prosegue il responsabile del Soccorso alpino locale, "sarà lungo ed elaborato, occorreranno perizie molto minuziose per capire le cause perché non ci sono testimoni e sull’elicottero non era presente alcuna scatola nera: non sono previste per questo tipo di velivoli, è regolare che non ci fosse".

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?