Le Swingeresse per un tuffo nel sound degli anni ’40 e ’50

Le Swingeresse portano uno swing elegante e divertente degli anni '40 e '50 sul palco di Finale Emilia. Cinque voci femminili riarrangiano brani in chiave swing con ironia e abiti stile anni '50. Un sound vintage da non perdere!

Le Swingeresse per un tuffo  nel sound degli anni ’40 e ’50
Le Swingeresse per un tuffo nel sound degli anni ’40 e ’50

Sarà come un tuffo negli anni ‘40 e ‘50, gli anni di uno swing elegante e accattivante, quello che Le Swingeresse porteranno domani sera (mercoledì 2) alle 21.30 sul palco dei Giardini pubblici De Gasperi di Finale Emilia, per la rassegna "Finale Città della musica" (con ingresso gratuito). Cinque interpreti, cinque voci femminili, cinque personalità estroverse e divertenti: le Swingeresse (che la scorsa primavera sono state anche ospiti del videobox di Fiorello su Rai2) sono Francesca Bartoli (pianoforte e voce), Daniela Origlia (batteria), Daniela Belleudi (voce), Rossana Canta (voce), Cinzia Zanellato (voce). Arrivano da Roma, da Anzio e da altre località del Lazio: un po’ Trio Lescano, un po’ Puppini Sisters, riarrangiano i brani in chiave swing, con un pizzico di ironia, e si esibiscono in abiti e acconciature stile anni ‘50. "Ci conoscevamo da tempo e avevamo già collaborato per alcuni progetti musicali – hanno spiegato in una recente intervista –. Facevamo parte di un gruppo gospel e, quando abbiamo intuito che lo swing stava tornando di moda, abbiamo pensato di creare un nostro gruppo. La musica anni ‘50 ha armonizzazioni vocali articolate". Ed è anche molto divertente. Nel loro canale Youtube e su Instagram, le Swingeresse hanno pubblicato diversi video con le loro ‘rivisitazioni’: da "Chattanoga Choo Choo" a "Be Bop a Lula" e "Candyman", si riascolta un sound vintage. E anche "Fin che la barca va" di Orietta Berti può acquistare un tocco swing. s. m.