Fleximan, quanto mi costi. Quasi centomila euro per reinstallare i velox

Sono cinque gli apparecchi tagliati nel Ravennate, tutti torneranno al loro posto. Quelli nel Faentino sono già stati ripristinati, per gli altri servirà più tempo

Ravenna, 4 marzo 2024 – Il primo è stato quello di Osteria sul Dismano, nella notte tra il 25 e il 26 gennaio scorso. Poi, subito in quella successiva, era toccato a Castel Bolognese, sulla provinciale Borello.

E poi, ancora: la mattina del 30 gennaio non c’era più quello sulla circonvallazione di Faenza in direzione Forlì, tra il 6 e il 7 febbraio è stato tagliato quello a Sant’Alberto in via Mandriole, tra il 14 e il 15 gennaio quello sulla San Vitale verso Russi.

In totale cinque autovelox abbattuti da Fleximan o chi per lui (perché è evidente che al primo del Polesine siano poi seguiti vari emulatori in più zone del Nord Italia) in provincia di Ravenna.

Uno dei velox abbattuti da Fleximan in provincia di Ravenna
Uno dei velox abbattuti da Fleximan in provincia di Ravenna

Un numero che fa del nostro territorio il più colpito in Romagna e tra i più colpiti in tutta la regione. E dove serviranno quasi 100mila euro di soldi pubblici per riparare ai danni: fondi che verranno richiesti successivamente all’autore dei colpi, se verrà individuato (o individuati, perché ovviamente potrebbero essere più persone).

Partiamo col dire che tutti e cinque i velox saranno rimpiazzati, e anzi due sono già tornati al loro posto: quello sulla circonvallazione di Faenza è stato rimontato lo scorso 20 febbraio, quello sulla Borello a metà del mese. Sono serviti circa 10mila euro per ripristinarli.

Occorrerà più tempo per i velox di Osteria e Sant’Alberto e per quello sulla San Vitale, dove i danni sono stati più rilevanti. "Abbiamo attivato le procedure per poterli ricomprare, perché sono talmente danneggiati che non possono essere riparati – spiega Lorenza Mazzotti, comandante della Polizia provinciale di Ravenna, che gestisce gli apparecchi di Sant’Alberto e della San Vitale –. Abbiamo valutato la situazione con la ditta che si occupa della manutenzione e siamo arrivati alla conclusione che non fosse possibile ripristinarli perché sono completamente danneggiati. Dobbiamo procedere all’acquisto di strumenti nuovi e le tempistiche sono quelle solite per gli enti locali. Abbiamo anche attivato le procedure per rifare i plinti nei punti in cui dovranno essere riposizionate le apparecchiature. Questo, ovviamente, comporterà tempi lunghi e varie procedure, tra cui il collaudo. Nel frattempo intendiamo garantire la sicurezza di quei due tratti stradali con le pattuglie".

Nel 2019 la Provincia aveva fatto sapere che era intenzionata a togliere il velox sulla San Vitale poi abbattuto da Fleximan: "Si era pensato di rimuoverlo perché c’erano delle valutazioni in corso – dice Mazzotti –. Ora però lo reinstalliamo, poi vedremo. E speriamo che questi episodi non si ripetano". Per ognuno dei due autovelox gestiti dalla Provincia serviranno tra i 30 e i 40mila euro e presumibilmente qualche settimana, i tempi non sono ancora definiti con precisione. I nuovi velox saranno in tutto e per tutto identici a quelli precedenti.

Infine, veniamo allo strumento sulla Dismano a Osteria, di proprietà del Comune di Ravenna. Anche in questo caso servirà qualche mese e un costo tra i 10 e i 20mila euro, come spiega il vicesindaco con delega alla Sicurezza, Eugenio Fusignani: "Il ripristino non è semplice, non è che si va lì e si monta un palo con due punti di saldatura, parliamo di un’apparecchiatura sofisticata. E mi preme dire senza peli sulla lingua che questi sono criminali cretini, che prima o poi le indagini identificheranno. Intanto noi procediamo a reinstallare. I velox verranno rimossi, casomai, quando ci saranno delle tecnologie diverse e più sofisticate per calmierare la velocità dei veicoli".