Lo stadio Colbachini ha ospitato i campionati Italiani Fisdir 2021. Assindustria Sport si è messa in evidenza anche a livello agonistico, in uno degli ultimi weekend di gare della stagione. Bardolino ha incoronato i campioni veneti dei 10 km su strada: lungo le sponde del lago di Garda, il titolo regionale assoluto maschile è andato a Riccardo Martellato. Il...

Lo stadio Colbachini ha ospitato i campionati Italiani Fisdir 2021. Assindustria Sport si è messa in evidenza anche a livello agonistico, in uno degli ultimi weekend di gare della stagione. Bardolino ha incoronato i campioni veneti dei 10 km su strada: lungo le sponde del lago di Garda, il titolo regionale assoluto maschile è andato a Riccardo Martellato. Il padovano ha corso in 31’46”, giungendo secondo nella gara vinta dal keniano Ismael Chelanga Kalale (31’08”). Per Martellato, che ha preceduto il coetaneo Marco Fontana Granotto (Expandia Atl. Insieme Verona, 32’21”), anche il titolo veneto promesse e la soddisfazione di essersi messo in evidenza in una gara che ha coinvolto ben 483 runners. Ed è la rappresentativa padovana a conquistare l’edizione 2021 del Trofeo Promozionale Regionale di Marcia. Il verdetto arriva dalla pista dello stadio di Monteortone, ad Abano Terme, dove la rappresentativa patavina, nella quale era convocata anche la cadetta gialloblù Sara Bonfiglioli (14^ in 20’58”8 nei 3.000) ha fatto sua la seconda tappa della rassegna dedicata alle categorie cadetti e ragazzi. La manifestazione prevedeva anche gare open. A livello assoluto, successo per Annachiara Paternicò sulla distanza dei 5.000 metri (23’55”5) e terzo posto per Maddalena Destro sulla stessa distanza dedicata alle allieve (29’27”8). Infine, a Monselice era in programma la 17ª manifestazione estiva (campionato provinciale staffette ragazzi + gare cadettiassoluti), con 25 atleti gialloblù in pista. Diversi di loro hanno avuto di che festeggiare: titolo provinciale per la staffetta 4x100 composta da Filippo Pavarin, Andrea Sasso, Nico Puggina e Riccardo Bressan, sul traguardo in 55”52, vittorie anche per Pietro Galati sui 600 cadetti (1’32”21) e, a livello assoluto, per l’allieva Chiara Fantin sui 100 (13”32) e per Federico Valandro sui 3.000 (9’09”58).