Civitanova (Macerata), 9 aprile 2017 – La Lube piega Modena, per la seconda volta in cinque giorni, e si porta avanti per 2 a 1 nella serie di semifinale scudetto. Ora ha un match point da sfruttare in gara4, che si giocherà dopo Pasqua (mercoledì 19 aprile) al PalaPanini. Il successo sui campioni d’Italia in carica è arrivato però solo al quinto set, al termine di un’autentica battaglia. Da duri di cuore! I biancorossi di Blengini, schierati col sestetto ormai abituale (Christenson al palleggio, Sokolov opposto, Stankovic e Candellaro al centro, Juantorena e Kovar in banda, Grebennikov libero), sono partiti molto bene e hanno vinto il primo set fra gli applausi degli oltre 4 mila spettatori presenti nell’impianto civitanovese, tutto esaurito da giorni. Poi, però, Modena ha acceso i suoi motori ed è entrata in partita, grazie anche all’inserimento di Piano al posto di uno spento Le Roux e di Travica in regia (seppur Orduna sia stato poi richiamato in causa dal coach Tubertini). Aggiudicarsi pure il secondo parziale non è stato facile per la Lube; tuttavia, l’impresa le è riuscita molto bene ed è stata una pietra miliare sul cammino verso il successo finale.

Cucine Lube Civitanova 3

Azimut Modena 3

Parziali: 25-21, 26-24, 21-25, 15-25, 15-12.

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Sokolov 13, Juantorena 17, Stankovic 12, Kovar 14, Christenson 4, Candellaro 12, Grebennikov (L), Cester 1, Cebulj 1, Pesaresi, Corvetta. N.e. Kaliberda, Casadei. All. Blengini.

AZIMUT MODENA: Petric 9, Orduna, Ngapeth E. 23, Le Roux 1, Holt 14, Vettori 19, Rossini (L), Travica 1, Piano 5, Massari, Ngapeth S. 1. N.e. Onwuelo. All. Tubertini. Arbitri: Santi e Saltalippi di Perugia.