Modena, 21 ottobre 2017 - E adesso che è riuscito anche far scioperare la squadra, quale altro trofeo ci regalerà Aldo Taddeo? Chissà se riuscirà a dimostrare di non essere l’uomo mandato dal Signor C? Tra le sue dichiarazioni dei giorni scorsi, il patron aveva espresso la «chiara volontà di smarcarsi dall’ex proprietario». Cosa al momento riuscita malissimo.

image

Provate a pensare: ha preso il Modena a zero euro e ha presentato la domanda di concordato grazie ai suoi legali con firma di Antonio Caliendo. Non è questo un indizio di complicità? Ma soprattutto, lui che dice di aver voluto il Modena (si sussurra che potrebe ricevere un compenso da chi lo ha preceduto per rottamare la società, ma non ci crediamo), è stato solo capace di far precipitare la situazione.

Tuttavia a Taddeo, se non lo ha capito da solo, vogliamo solo sottolineare un aspetto: la linea di credito che Tavecchio gli ha aperto, è a termine. Una settimana non di più. Ormai hanno tutti capito che il rischio bluff è altissimo. Mai visto uno che dalla sera alla mattina prende una società di calcio allo sbando e non riesce a pagare nemmeno uno stipendio. Al di là dei tecnicismi del concordato attorno ai quali ci siamo aggrovigliati in questi giorni, qui serve la sostanza e non i pellegrinaggi infruttusoi al campo di allenamento, senza riuscire a portare a casa uno straccio di risultato.

Molti tifosi ieri hanno condiviso una nostra amara considerazione dell’altro giorno: se non ce la fa Taddeo, lascia almeno morire in pace il Modena. Purtroppo questa è la realtà davanti a fatti che lasciano pochi spiragli per un domani diverso da quello che oggi abbiamo davanti agli occhi. Il presidente della Figc Tavecchio si è preso una bella responsabilità, autorizzando a pensare che chi non rispetta le regole, può sperare nel rinvio di una partita, in attesa poi di chissà che cosa.

Sul tema stadio Braglia, il Comune è pronto. Basterà una breve riunione della giunta che delibera la decisione di affittare l’impianto e sicuramente non si saranno dubbi sul fatto che domenica 29 si potrà giocare Modena-Padova. Magari Taddeo penserà di trovarsi lo stadio pieno, ma deve comprendere che con questo suo comportamento non arriverà a mille paganti volendo essere ottimisti. Paghi gli stipendi (almeno uno), si riprenda lo stadio e vediamo cosa succede.

Tutto questo senza considerare lo stado d’animo della squadra e di uno spogliatoio spaccato in due, tanta è la tensione. Non è piaciuta ai calciatori la posizione assunta da Capuano che avrebbe voluto giocare ugualmente, concedendo una deroga a Taddeo il quale è riuscito anche a demotivare un gruppo che fino ad ora almeno ci ha provato. Anche se con pessimi risultati.