Le due sconfitte contro Pisa e Benevento non hanno guastato un cammino strepitoso che in meno di un mese (dal 29 giugno) ha portato l’Ascoli a risalire una china all’apparenza insormontabile. Tutto è inziato con il Crotone al Del Duca (1-1), poi è partita la serie di vittorie. Quattro consecutive: 1-0 a Cosenza con gol di Scamacca, in una partita tesissima; 3-2 al Del Duca contro la Salernitana (doppio Trotta, in assenza di Scamacca, e Ninkovic); 1-0 sempre al Del Duca contro l’Empoli grazie all’eurogol di Eramo, bravissimo a impattare il pallone di destro su splendido assist di Sernicola; 2-1 a Cittadella, grazie a un autogol di Adorni (su pressione di Scamacca) e rete decisiva del giovane Diogo Pinto. Poi il pareggio con il Pordenone (2-2) ha creato le premesse per la chiusura definitiva della pratica salvezza.