Orari messe per San Petronio a Bologna: la benedizione di Zuppi

L’arcivescovo e presidente della Cei presiederà la celebrazione alle 17: alle 16 nella basilica si insedia il nuovo primicerio

San Petronio 2023: la messa sarà officiata da monsignor Zuppi

San Petronio 2023: la messa sarà officiata da monsignor Zuppi

Bologna, 3 ottobre 2023  – Sarà l’arcivescovo Matteo Zuppi a celebrare, mercoledì 4 alle 17 nella Basilica di San Petronio, la messa per la festa del santo patrono cittadino e della diocesi. Al termine della celebrazione eucaristica, alle 18.30, in piazza Maggiore l’arcivescovo, che è anche presidente della Cei, guiderà la processione con le reliquie del Santo e, dal sagrato della Basilica, impartirà la benedizione alla città

Leggi anche: La storia del santo patronoLa ricetta del pane di San Petronio

Alle 16, saranno celebrati i Vespri con l’ingresso del nuovo Rettore Primicerio, don Andrea Grillenzoni. Alle 19 in piazza si esibiranno le ‘Verdi Note’ e dalle 20.30 Joe Dibrutto in concerto mentre alle 23 si terrà lo show dei fuochi d’artificio.

La mattina, alle 9.30 nel Santuario di Santa Maria della Pace (in piazza del Baraccano), monsignor Stefano Ottani, vicario generale per la Sinodalità, interverrà all’incontro “Luigi Bettazzi, 60 anni di episcopato nell’impegno per la pace”. L’evento è proposto dalla Chiesa di Bologna e Pax Christi. Monsignor Bettazzi, deceduto di recente a 99 anni, sarà ricordato anche durante la messa presieduta dall’arcivescovo nel pomeriggio in San Petronio.

Il programma della giornata è a cura dal Comitato per le Manifestazioni Petroniane.

“Quest'anno il 4 ottobre riunisce elementi che possono sembrare disparati – affermano i vicari generali, i monsignori Stefano Ottani e Giovanni Silvagni –, ma che convergono nel dare un risalto ecclesiale e cittadino molto rilevante. Perché la celebrazione del Patrono si unisce con la giornata di apertura del Sinodo universale, in cui il nostro Arcivescovo è Padre Sinodale, e si unisce anche al ricordo del 60esimo anniversario dell'Ordinazione episcopale di monsignor Luigi Bettazzi. Questi avvenimenti possono essere letti con una regia che supera la casualità, perché collegano questa giornata a molta parte della storia bolognese, ecclesiale e civile, tenendo conto che il Vescovo Luigi fu padre del Concilio Vaticano II e, dunque, il suo ricordo congiunge il Sinodo al Concilio in questo modo, ci invita a considerare la grazia di poter avere con noi a Bologna un Padre Sinodale”.  

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro