Il preside del liceo Copernico Roberto Fiorini (Foto Schicchi)
Il preside del liceo Copernico Roberto Fiorini (Foto Schicchi)

Bologna, 24 agosto 2019 - Nel giorno in cui arriva la tanto attesa infornata di nuovi presidi (ben 23), uno fa i bagagli e vola a Roma, all’Anp, il sindacato dei dirigenti scolastici. Si tratta di Roberto Fiorini, preside del liceo Copernico e reggente dell’Iis Mattei a San Lazzaro. Due istituti grossi che non vengono coperti da colleghi di prima nomina. Anzi. Tuttavia, mentre per il Mattei si tratta di tamponare la situazione poiché, a fine anno, rientra in servizio Mario Maria Nanni, preside di lungo corso nonché provveditore a Reggio Emilia, per il Copernico la questione è più complessa. E si potrebbe risolvere con una reggenza. Da notare che nonostante le nuove assunzioni, 7 istituti su 112 andranno comunque a reggenza. Ad esempio l’istituto comprensivo 11 oppure il Cpia di montagna (Centro per l’istruzione degli adulti). Reggenza perché gli attuali dirigenti o sono in partenza per incarichi all’esterno (di solito a gennaio) o sono in lizza per dottorati o incarichi di varia natura.

Non mancano comunque i mal di pancia sul modo con cui il Miur ha gestito queste assunzioni. Il concorso è stato bandito a livello nazionale. In regione, su 207 nuovi arrivi, ben 123 provengono da fuori. Posto che dovranno restare qui per la durata del contratto che è triennale, i corridoi già sussurrano di una futura transumanza verso casa. «Questo fa male alle scuole». Il rischio reggenza non è poi così aleatorio.

Venendo ai nuovi arrivati. Eccoli: al comprensivo 7, approda Federica Roux; all’ 8, Tiziana Faiella; al 9, Geny Di Paolo; al 18, Stefania Rubinacci; al 21, Ombretta Pavoni e al 22, Francesca Baldelli. L’Iis Belluzzi Fioravanti sarà guidato da Edoardo Soverini e l’Iis Manfredi Tanari da Tiziana Cannavò. Il grosso va nel territorio metropolitano. Alla direzione didattica di Zola Predosa, arriva Carmela Zabatino e a quella di Budrio, Luisa Esposito.

Passando ai comprensivi, a Pianoro, troviamo Liana Baldaccini; a Ceretolo, Enrico Battisti; a San Giovanni in Persiceto, Massimiliano Angelo Campisi; a Crespellano, Francesco Cipollini; a Loiano Monghidoro, Cosimo Di Giorgio; a Castel Maggiore, Antonietta Esposito e a Zola Predosa, Tania Gamba. Ed ancora. A Minerbio, Claudia Gonzato; ad Argelato, Maria Lombardi; a Bazzano Monteveglio, Marco Mongelli; a Crevalcore, Stefania Neroni; a Rastignano Pianoro, Concetta Russo; a Casalecchio Centro, Andrea Sallese; a Vergato-Grizzana Morandi, Manuel Salvaggio; al comprensivo 2 di San Lazzaro, Giuseppe Santucci; a Vado Monzuno, Pasquale Santucci e a Monterenzio, Antonella Vaccara. Infine gli Iis.

Dario Gaetano Alfieri guiderà il Fantini di Vergato; Gabriele Chessa il Malpighi di Crevalcore; Luisa Macario il Montessori-Da Vinci; Salvatore Antonio Rinaldi il Keynes di Castel Maggiore e Guglielmina Uliano il Giordano Bruno a Budrio.