La piada, regina della Romagna
La piada, regina della Romagna

Savignano sul Rubicone (Cesena), 12 lugkio 2019 - A Savignano dal 19 al 21 luglio tornerà Piadiniamo, la Romagna com’era una volta, un percorso attraverso i gusti e la tradizione romagnola. Dieci tra le migliori piadine d’Italia, per gustare ogni tipologia di piadina, dagli abbinamenti più classici fino alla contaminazione con nuovi ingredienti.

Ampio spazio alla scoperta degli antichi giochi e mestieri e, per condire il tutto, anche tanta musica, dal liscio al folk, fino ad arrivare all’elettronica. La kermesse, organizzata dalla giovane associazione culturale I-fest e presentata in Comune con il sindaco Filippo Giovannini, ogni anno propone un percorso attraverso le dieci piadinerie più blasonate d’Italia, raccontando le loro storie e i volti che stanno dietro ad uno dei mestieri che il romagnolo ha nel Dna.

Fra quelle che spiccano quest’anno ci sono: Quinto Quarto di Cesenatico, che nella proposta dolce propone una piadina al caffè; Ca de Bè di Bertinoro, che nella piadina mette la ricotta di capra con spinaci croccanti al miele agrodolce e semi di girasole; Sasaràl di Cesena, che per il dolce offre la crema di gianduia con granella di nocciole e gelatina di marasca; il Forno Galeotto di Torre Pedrera, Rimini con i sardoncini freschi marinati, misticanza e cipolla rossa di tropea Igp; Gli Ingordi di Ferrara, vicini di casa che portano la Zia Ferrarese (salame tipico di Ferrara), squaquerone e pomodoro fresco.

Per continuare, dalla Quinta di Santarcangelo di Romagna con lo squaquerone e la pancetta, Piadineria Al km 0 di Savignano sul Rubicone con la piadina al 5 cereali, Bistrò Gastronomico di Riccione con una vera golosità, la piadina mascarpone e crema al caramello e noccioline. Non mancherà una corte appositamente dedicata ai 'Sapori di una volta', con le piadine tradizionali e gli stand delle varie associazioni locali, che offriranno la piadina salsiccia e cipolla.