Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
16 lug 2022

Francesco Balzano, dalla periferia di Modena alla Scala a passo di danza

Il 13enne è cresciuto alla scuola La Fenice del palazzo R-Nord. Nonostante le prese in giro dei compagni è riuscito a coronare il suo sogno

16 lug 2022
paolo tomassone
Spettacoli
Francesco Balzano, da solo e insieme alla sua insegnante Serena Mignano
Francesco Balzano, da solo e insieme alla sua insegnante Serena Mignano
Francesco Balzano, da solo e insieme alla sua insegnante Serena Mignano
Francesco Balzano, da solo e insieme alla sua insegnante Serena Mignano

Modena, 16 luglio 2022 - Sembra una favola ma è una storia vera. Francesco Balzano muove i primi passi alla scuola di danza La Fenice, all’interno del complesso R-Nord, e a 14 anni ancora da compiere sale sul palcoscenico del teatro più prestigioso d’Italia e non solo: alla Scala di Milano. La nobile arte della danza è riuscita a conquistarsi il suo spazio (e il cuore di questo giovane danzatore), in un contesto in cui certamente imparare una coreografia ha un valore diverso e può non essere così prioritario per un ragazzo che frequenta il quartiere Sacca. Invece proprio qui si scoprono talenti, si formano e li si lancia verso il successo. Francesco , che oggi parte per una summer school di due settimane al Teatro dell’Opera di Roma, ma che ha già in tasca il biglietto per Milano dove a settembre comincerà il terzo corso all’accademia maschile indirizzo classico, ne è la testimonianza diretta. "Quando mi hanno ammesso alla Scala ero felice, è un’emozione fortissima. Ho provato un po’ di tristezza perché dovrò allontanarmi da casa e in alcuni momenti mi sale l’ansia. Ma poi mi fermo a pensare allo studio, all’allenamento e a quello che spero di diventare in futuro… e mi torna il sorriso". È timido Francesco, ma a vederlo volteggiare nella sala de La Fenice non si direbbe. "Io voglio diventare ballerino e, successivamente, insegnante di danza". Parla sottovoce per non disturbare e nasconde così quella determinazione che non ti aspetteresti nemmeno da una persona adulta. Quella determinazione che lo ha sostenuto anche nei momenti più difficili e sconfortanti. Ed è qui che la storia (reale) di Francesco, s’interseca con quella del film d’inizio secolo ‘Billy Elliot’, dove il ragazzino di 11 anni il cui sogno era diventare un ballerino classico viene ostacolato dal padre minatore ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?