Padova, botte con tirapugni e spray urticante per il campetto da basket: sette minori indagati per rissa e porto illegale di armi

Due gruppi di una ventina di ragazzi si sono affrontati per una contesa di un’area di gioco pubblica: tre 16enni feriti

Gruppi di giovani (foto d'archivio)
Gruppi di giovani (foto d'archivio)

Padova, 30 gennaio 2024 – Botte con tirapugni e spray urticante per decidere chi può giocare nel campetto da basket. É finita in una violenta rissa tra una ventina di giovani, quasi tutti minorenni, con tre feriti la contesa per un campo da basket a Padova, una vicenda avvenuta 10 giorni fa e  che ha portato a un’inchiesta con 7 ragazzini indagati. Nel contrasto tra due opposti gruppi di giovanissimi sono rimasti feriti tre ragazzi: un sedicenne che ha riportato la frattura del setto nasale e vari ematomi, un coetaneo invece ha riportato un trauma cranico e un terzo invece contusioni in varie parti del corpo.

L’inchiesta

L'accusa formulata dalla Procura dei minorenni di Venezia è di rissa, porto illegale di armi (tirapugni e spray urticante). Una delle opposte fazioni aveva progettato di compiere una nuova spedizione punitiva, ma è stata intercettata e fermato dalla squadra Mobile euganea. Il fatto è avvenuto il 20 gennaio scorso. I due gruppi si sono prima affrontati in un'area giochi aperta al pubblico di piazza De Gasperi e poi le aggressioni sono proseguite dentro e fuori di un ritrovo per giovani. I minori sono stati individuati dai filmati da vari sistemi di video sorveglianza e i fatti sono stati confermati da testimoni tra cui le vittime i cui genitori hanno presentato denuncia.