MARIATERESA MASTROMARINO
Premio Mascagni

Beautyge Italy in rampa di lancio: "Export decisivo per la crescita"

L’azienda di prodotti per capelli di Sala Bolognese (Bologna) fa parte del gruppo Revlon. L’ad Nava: "Piani di sviluppo importanti"

Beautyge Italy in rampa di lancio  "Export decisivo per la crescita"

Beautyge Italy in rampa di lancio "Export decisivo per la crescita"

Bologna, 5 settembre 2023 – Creatività, passione per la bellezza e attenzione per la ricerca. È questo il valore imprenditoriale di Beautyge Italy Spa, che crea e distribuisce prodotti di bellezza per la cura di capelli, pelle e unghie. L’azienda di Sala Bolognese (Bologna) fa parte della multinazionale Revlon, ed è fra i leader nel settore tricologico professionale e hair care in Italia.

Luca Nava, amministratore delegato di Beautyge Italy Spa, in cosa consiste il vostro lavoro?

"La nostra attività si concentra sulla produzione e sulla commercializzazione di prodotti cosmetici".

Avete un doppio compito.

"Nella nostra sede abbiamo due componenti. La prima è quella produttiva: in Beautyge Italy Spa si creano i prodotti tecnici a uso professionale, commercializzati da Revlon, che si rivolgono ai parrucchieri professionisti. Vendiamo prodotti e materiali come tubi e altri componenti necessari per eseguire le colorazioni e gli effetti come mèches e balayages. I target di consumo sono completi, con una predominanza di consumatrici sopra i 45 anni, essendo le colorazioni principalmente effettuate per la copertura dei capelli bianchi, ma stiamo cercando di orientare i consumi su colori di tendenza, capaci di ringiovanire il target. A Sala Bolognese viene sviluppata l’identità produttiva del gruppo".

E l’altra componente?

"L’altra è commerciale, che si occupa di due mercati differenti. Commercializziamo in Italia prodotti professionali per parrucchieri con la divisione Professionale, e prodotti di bellezza a più grande diffusione con la divisione Mass Market, per la quale trattiamo anche prodotti acquisiti da altre unità produttive del gruppo situate in Ue, Sudafrica, Usa e Messico".

Anche il team di lavoro è diviso nelle due sezioni?

"Contiamo circa 120 dipendenti, divisi tra le due attività. I lavoratori del reparto produttivo hanno competenze tipiche dell’industria chimica, quindi ricerchiamo capacità ingegneristiche, per l’organizzazione dello stabilimento e per il rinnovo dei macchinari. Poi abbiamo preparatori nei laboratori di analisi, di formulazione e di controllo qualità. La formazione è legata alla sicurezza e ai percorsi specifici di aggiornamento, fra cui quelli proposti da Cosmetica Italia. Per le divisioni commerciali, la formazione è legata alla conoscenza delle lingue - in primis l’inglese – e ai corsi di specializzazione in marketing e digitale, e sulle trasformazioni del business. Ci siamo anche avvalsi delle attività di Fondazione Aldini Valeriani, per l’upskilling di competenze delle strutture Middle Management commerciale".

Il fatturato premia la vostra preparazione.

"Lo scorso anno è stato di 42 milioni di euro, confermando una ripresa importante dopo il periodo Covid. I nostri piani di crescita proiettano un rafforzamento della nostra posizione di mercato nei prossimi tre anni. Il fatturato è ripartito in modo paritario fra Italia ed Export, e questa seconda componente è molto strategica per lo sviluppo dei prossimi anni".