L’auto su cui viaggiava Andrea Pasini dopo l'incidente
L’auto su cui viaggiava Andrea Pasini dopo l'incidente

Bagnara di Romagna (Ravenna), 10 dicembre 2019 - «L’unica consolazione che troviamo – dicono i genitori – è che se ne sia andato dopo una serata di divertimento, dopo essere stato bene, insieme ai suoi amici». Dopo la musica, il ballo e i sorrisi, all’improvviso è arrivato il dolore, con uno schianto fatale: una di quelle mosse crudeli che la vita non dovrebbe mai giocare a un ragazzo di 22 anni. La comunità di Bagnara è in lutto per la morte di Andrea Pasini, classe 1997, dopo l’incidente in cui ha perso la vita nella notte tra sabato e domenica. Il ragazzo, che viveva al confine tra Solarolo e Bagnara, aveva frequentato l’istituto alberghiero Pellegrino Artusi di Riolo Terme e lavorava come cuoco alla pizzeria ’La Margherita’ di Imola. «Era un ragazzo d’oro, splendido – raccontano i genitori – e gentile. Avrebbe dato il cuore per ognuno dei suoi amici. Era una persona stupenda, detestava che qualcuno si arrabbiasse ed era sempre in grado di riportare in tutti un sorriso. Quella che stiamo vivendo è una perdita immensa».

Leggi anche "Un ragazzo d'oro che amava la cucina"

L’incubo per i genitori è iniziato nelle prime ore di domenica, quando la madre si è accorta che il ragazzo non era rientrato. «Sabato sera aveva lavorato – racconta – e poi sapevo che sarebbe andato a ballare con gli amici in discoteca, dopo il turno. Ma non sapevo nemmeno in quale locale. Visto che non rientrava, e dopo averlo chiamato più volte al cellulare senza successo, sono andata a cercarlo, vagando per strada. Ho trovato subito la sua auto ribaltata, era a 50 metri da casa. C’erano già i soccorsi al lavoro. Poi è arrivato mio marito, mia madre, i parenti, gli amici...».

«La grande passione di Andrea era il suo lavoro – proseguono i genitori –. Era un ragazzo molto tranquillo, gli piaceva andare al mare e anche in montagna. Aveva un vasto giro di amici a Bagnara. Si trovavano al bar del paese, si organizzavano per fare attività insieme... E ora sono tutti distrutti». I genitori vogliono ringraziare in particolare tutte le persone che in questi giorni hanno dimostrato vicinanza alla famiglia: «Da parte nostra vogliamo dire un grande grazie. Noi viviamo in una piccola comunità dove tutti si conoscono, e dal primo istante abbiamo ricevuto il supporto di tanti tra amici, parenti, vicini e anche il sindaco di Bagnara Riccardo Francone».

L'incidente si è verificato la notte scorsa (Scardovi)

È in lutto anche l’istituto alberghiero Pellegrino Artusi di Riolo Terme, dove Andrea Pasini si è diplomato tre anni fa. La notizia della morte negli ultimi giorni ha sconvolto tutti gli insegnanti, molti dei quali lo ricordano come un bravo ragazzo, educato e timido. «Ogni alunno che passa di qui non è solo un nome sul registro, ma è una vita intrecciata strettamente alla tua e alla quale hai imparato a voler bene, incondizionatamente – scrive la professoressa Cristina Sanmartin, a nome di tutti i docenti dell’istituto –. Ragazzi che vedi crescere, cambiare, appassionarsi, lottare per i propri ideali e realizzarsi professionalmente e umanamente. Andrea era uno di loro e noi tutti, sconvolti nel profondo da questa tragica e inaspettata morte improvvisa, lo ricordiamo come un ragazzo speciale, fragile e tenace nello stesso tempo, solare ma anche riservato, determinato nell’affrontare le piccole e grandi sfide di ogni giorno. Questo non è il momento delle domande, ma piuttosto quello della preghiera, della riflessione e del silenzio. Andrea, che tu possa trovare pace lassù dove ti trovi».