Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
24 giu 2022

I daini di Classe da un allevamento pubblico di selvaggina?

24 giu 2022

Da sempre viene riportata la notizia che qualche privato avesse liberato, volontariamente o meno, le prime coppie di daini che hanno dato luogo al gruppo che ora abita la Pineta di Classe ed il Parco del Delta del Po. Le associazioni, sentiti alcuni addetti ai lavori, ritengono che l’immissione fu volontaria, per aumentare la selvaggina cacciabile, ma al momento non si hanno conferme ufficiali. Tuttavia, rileggendo il Rapporto Ambientale del Piano Territoriale del Parco Regionale del Delta del Po - Stazione Pineta di Classe e Salina di Cervia, del 2012, si scopre che i daini furono introdotti"“a scopo amatoriale nell’area dell’allevamento ex-Aris", e che "alcuni capi fuggiti sono stati segnalati all’interno della pineta e nella zona dell’Ortazzo e sembrano essersi riprodotti".

Ora, la ex Aris, era l’Azienda Regionale per l’Incremento della Selvaggina, istituita con una legge del 1977 dalla Regione Emilia-Romagna, con lo scopo di attuare il ripopolamento faunistico e ittico del territorio regionale, ai fini dell’esercizio venatorio e della pesca ricreativa. Forniva agli enti locali ed alle associazioni dei cacciatori e dei pescatori del territorio regionale che ne facevano richiesta, le specie ittiche e la selvaggina (come starne, pernici rosse, fagiani e lepri) per l’attuazione dei programmi di ripopolamento. Le Aris furono soppresse nel 1993.

Sempre dal Rapporto Ambientale, si legge della "Azienda Ex Aris, poiché utilizza le strutture dell’abolita Azienda Regionale per l’Incremento della Selvaggina. Tale allevamento è collocato all’interno della pineta di Classe, al vertice settentrionale della palude dell’Ortazzo, sulle rive del Fosso Ghiaia". Dunque, pare certo che l’azienda regionale fosse collocata nella Ca’ Giansanti, di proprietà del Comune di Ravenna.

Dunque, i daini furono rilasciati da un allevamento regionale di selvaggina “pronto caccia” collocato su terreni comunali, o comunque da un edificio del Comune di Ravenna gestito da un Ente pubblico come Comune, Provincia, Regione o Atc? Nessuno degli enti ha mai vigilato e fatto chiarezza su questo, come mai? Salvo poi, dopo anni di inerzia e di disapplicazione delle leggi, lavarsene ora le mani e demandando la possibile strage di animali incolpevoli al prefetto. Di tutto questo chiede conto un’interrogazione della consigliera regionale del Gruppo misto Giulia Gibertoni.

C.L.A.M.A. Ravenna

Gruppo di Intervento Giuridico odv gruppo di Ravenna

Italia Nostra di Ravenna

O.I.P.A. odv Ravenna

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?