Con una messa presieduta dal vescovo di Carpi, monsignor Erio Castellucci, si è insediato ieri mattina il nuovo parroco di Rolo, don Michele Chojecki. "Dovrete abituarvi al mio accento slavo. Spero di essere comprensibile", ha detto nel suo intervento, ringraziando pure per il cartello con la scritta "Benvenuto don Michele" che ha trovato davanti alla canonica. "Mi sono sentito accolto", ha aggiunto. Il rappresentante del consiglio pastorale ha chiesto al parroco di essere "guida e dialogo per una piccola comunità che vuole ritrovarsi per camminare insieme, con uno sguardo particolare verso i nostri bambini, giovani, anziani e chi è in difficoltà". A don Michele il consiglio pastorale ha donato una casula da indossare durante le funzioni religiose. "Questo è un giorno importante per Rolo – ha detto il sindaco Luca Nasi – su cui stanno pesando molto i due anni di emergenza sanitaria. La nostra comunità ha reagito bene alla pandemia, ma resta ancora molto lavoro per rinsaldare lo spirito di fratellanza fra tutti noi".

a.le.