Vede i carabinieri e fa inversione: a casa aveva 50 grammi di hashish

Un ragazzo di 25 anni a Scandiano è stato denunciato per detenzione di hashish ai fini di spaccio. I carabinieri lo hanno fermato con droga e materiale per confezionare dosi.

Vede i carabinieri e fa inversione: a casa aveva 50 grammi di hashish

Un ragazzo di 25 anni a Scandiano è stato denunciato per detenzione di hashish ai fini di spaccio. I carabinieri lo hanno fermato con droga e materiale per confezionare dosi.

Un ragazzo di 25 anni, residente nel comprensorio ceramico reggiano, è stato denunciato con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti: trovato oltre mezzo etto di hashish e materiale per il confezionamento delle dosi. Nel tardo pomeriggio di venerdì 29 marzo una pattuglia dei carabinieri della tenenza di Scandiano, transitando in via Mazzini, ha notato un’auto il cui conducente ha cambiato il senso di marcia, probabilmente per eludere proprio un eventuale controllo.

I militari dell’Arma, impegnati ogni giorno a monitorare con attenzione il vasto territorio di propria competenza, hanno dunque deciso di raggiungere, fermare e ispezionare la macchina guidata dal 25enne finito nei guai.

Il giovane è stato infatti trovato in possesso di una dose di hashish già confezionata: un grammo scarso pronto alla cessione. I carabinieri, insospettiti anche per l’atteggiamento preoccupato da parte del 25enne, hanno quindi deciso di approfondire gli accertamenti culminati poi con una perquisizione domiciliare compiuta nell’abitazione del ragazzo.

Nella sua camera hanno successivamente rinvenuto una scatola di legno contenente un panetto di hashish del peso di oltre cinquanta grammi oltre a materiale da confezionamento identico a quello utilizzato per la dose singola, rinvenuta precedentemente. Nei confronti del 25enne sono ovviamente scattati i provvedimenti del caso.

E’ stato così denunciato, dai carabinieri di Scandiano, alla Procura della Repubblica di Reggio. I militari dell’Arma hanno anche sequestrato la droga.

Gli accertamenti relativi al procedimento, in fase di indagini preliminari, continueranno per i consueti approfondimenti investigativi al fine delle valutazioni e determinazioni inerenti all’esercizio dell’azione penale.

m. b.