Esplode la Primavera "Siamo pronti a ripeterci"

Grande annata per il settore giovanile neroverde trainato da Bigica e Pedone. Al vivaio organizzato da Palmieri si chiede un’altra stagione da protagonista . .

Esplode la Primavera  "Siamo pronti a ripeterci"

Esplode la Primavera "Siamo pronti a ripeterci"

di Stefano Fogliani

Un Viareggio vinto con l’under 18 che poi è arrivata anche alla final four in campionato, la ‘prima volta’ di sempre nei playoff scudetto per la Primavera. Sono chiamate a ripetersi, quelle che sono le punte di diamante del vivaio neroverde, che ripartono da rose rinnovate ma guide tecniche confermate in Emiliano Bigica e Francesco Pedone. Saranno le loro squadre a fare da traino ad un settore giovanile sul quale la società neroverde continua ad investire, traendone risultati non indifferenti.

Organizzato attorno al Responsabile Francesco Palmieri e ai suoi collaboratori, il vivaio neroverde si accinge ad affrontare un’altra stagione cui chiede di essere protagonista. Il valzer delle panchine, che ha lasciato intatte le guide tecniche delle due squadre ‘maggiori’, ha visto Maurizio Neri, Cris Gilioli e Fabio Venizzi assegnati rispettivamente ad under 17, under 16 e under 15, completando gli organigrammi delle squadre che partecipanti ai campionati nazionali (il vivaio neroverde comprende anche under 15, under 14, under 13 e attività di base, affidata quest’anno a Daniele Corazza) e sanno bene cosa chiedere al 202324. A partire, appunto, dalla Primavera, il cui campionato comincia tra meno di una settimana al Ricci contro la Sampdoria e proseguirà, con un calendario asimmetrico che rappresenta un’atra novità, fino al 18 maggio 2024.

Le amichevoli e il Torneo di Vignola hanno suggerito potenzialità importanti in un gruppo sul quale Bigica – quarta stagione a Sassuolo – ha detto di aver costruito "una mentalità vincente, senza rinunciare al gioco". Di vecchie conoscenze ci sono Theiner, Cinquegrano, Cannavaro e Loeffen, oltre a Baldari, ed accanto a questi si fanno avanti giocatori che hanno fatto benissimo la stagione scorsa con l’under 18 come Seminari, Petrosino e Corradini, mentre rimane da capire il destino di due ‘stelline’ come Russo, due gol contro il Carpi nell’amichevole di sabato scorso, e Leone, che se restano saranno sicuramente protagonisti, ma hanno mercato importante e potrebbero partire. La base è buona, tuttavia, qualche innesto l’ha integrata dove serviva e del resto, ha detto ancora Emiliano Bigica presentando la stagione. Che tra l’altro cambia format, dal momento che, al termine della regular season, retrocedere in Primavera 2 soltanto l’ultima classificata, in vista della stagione 20242025 che vedrà salire l’organico delle squadre da 18 a 20.

Da questa stagione, inoltre, nei 22 in distinta dovranno esserci almeno 5 "local", tesserati, dal 12mo anno di età, dal club per almeno 2 stagioni e altrettanti che abbiano i requisiti per essere convocati nelle nazionali azzurre. "Il Primavera 1 è diventato ormai molto competitivo ed equilibrato", ha detto ancora Bigica: il ‘vecchio’ campionato Primavera, in effetti, quello in cui non si retrocedeva mai, è un ricordo: oggi si gioca per vincere e all’obbligo, Bigica, non si sottrae. "Sono convinto che riusciremo a raggiungere i nostri obiettivi, a partire dalla permanenza in categoria ma con lo stimolo di voler migliorare sempre di più, partita dopo partita".