Vis Pesaro: la salvezza per dare continuità Confermati i big, gli under tutti da scoprire

Squadra rinnovata nel pacchetto giovani, mister Banchieri vuole mantenere la categoria: il centrocampo con Valdifiori è la chiave

di Amedeo

Pisciolini

Si parte e la Vis Pesaro lo fa con l’entusiasmo di sempre e con l’obiettivo dichiarato, quello della salvezza. Al suo 29esimo campionato in serie C, i biancorossi inseriti nel girone B affronteranno al debutto (sabato alle 20.45), in trasferta, la Spal. Per l’ultimo confronto assoluto (in serie C) con i bianco azzurri bisogna andare indietro di 18 anni: il 30 gennaio del 2005 Spal-Vis Pesaro finì 0-0. Un girone ‘grandi firme’ e che rispetto all’anno scorso presenta diverse novità: dalla Juventus Next Gen al Perugia, dal Pescara alla Spal, poi le neopromosse Arezzo, Pineto e Sestri Levante. Il precampionato è servito ai componenti dello staff tecnico della Vis per valutare i ragazzi in prova e gli under da inserire nella rosa per la stagione. Riguardo gli over a centrocampo ecco Valdifiori e Di Paola che hanno dimostrato di aver raggiunto un buon stato di forma durante la preparazione, così come Marcandella sempre più in fiducia, e i leader pesaresi come Rossoni e Tonucci. Fronte mercato ha parlato Michele Menga, responsabile area tecnica della Vis Pesaro: "Sono contento. La proprietà ci ha dato la possibilità di raggiungere gli obiettivi che avevamo in mente. Per quello che riguarda il girone B nel quale siamo inseriti, la difficoltà di affrontare squadre importanti, delle vere e proprie corazzate, ci deve dare forza e motivazioni ulteriori per fare bene. La prima partita al "Mazza" con la Spal, che fino a qualche anno fa era in serie A, è una partita importante per i ragazzi e la società, ci deve dare forza e consapevolezza. Affronteremo tutte le gare con tenacia e massimo impegno. Tutti i ragazzi suderanno sempre la maglia che indossano". Ma tra oggi e domani potrebbero esserci delle novità: in via di definizione la trattativa con il Lecco ammesso ufficialmente alla serie B. Astrologo e Zoia in partenza, Ardizzone in arrivo a centrocampo. Il ritorno di Ghazoini dall’Ascoli è il nome forte per la corsia destra. Mentre si parla con il Venezia per de Vries e Karlsson. Dalla passata stagione, dove ci sono stati tre allenatori e una salvezza raggiunta in extremis, sono stati confermati Manuel Di Paola, centrocampista 1997, da cui passeranno tante giocate della squadra; Davide Marcandella, centrocampista 1997 al rientro da un lungo infortunio al ginocchio; Mirko Valdifiori, centrocampista 1986, mente del gioco; Manuel Pucciarelli, attaccante 1991 che vorrà lasciare il segno; Stefano Rossoni, difensore 1997 e Denis Tonucci, difensore 1988 e leader del gruppo. La rosa si è ringiovanita ulteriormente, inserendo giocatori del settore giovanile e altri provenienti da varie esperienze in prestito. E poi gli innesti da altre piazze, sia di categoria superiore, che pescando dal calcio dilettantistico. Ecco quindi Kevin Kannavò, attaccante del 2000 rientrato dal Padova (potrebbe però partire, ndr); Mirco Ceccacci, difensore del 2003 rientrato dal prestito al Pineto (si parla di una sua cessione temporanea, ndr); Francesco Cusumano, difensore 2001 rientrato dal prestito al Lecco. E poi Babacar Diop, attaccante 2003 in prestito dal Venezia; Angelo Foresta, centrocampista 2004 in prestito dal Sassuolo; Mattia Gulli, centrocampista 2003 dalla Primavera Vis Pesaro; Lorenzo Loru, centrocampista 2003 dall’Atletico Uri; Filippo Neri, portiere 2002, in prestito dal Venezia; Blue Mamona, attaccante 2002 in prestito dalla Cremonese; Afonso Peixoto, difensore 2003, in prestito dal Venezia; Youssouph Sylla, attaccante 1998 dal Pordenone, Davide Zagnoni, difensore 1995 dall’Imolese, Lorenzo Da Pozzo, esterno del 2004 dal Venezia e Antonio Pio Iervolino, centrocampista del 2003 dalla Salernitana.