Ascoli, 16 luglio 2016 - Lo spettacolo di Massimo Ranieri, in programma il prossimo 8 agosto in piazza del Popolo, come annunciato è stato annullato. Non è il primo. Anche in passato, per altri eventi previsti in città, l’epilogo è stato lo stesso. Ma nonostante questo, nessuno dell’amministrazione comunale si è sentito in dovere di dare spiegazioni al riguardo, né scritte, né tantomeno presentandosi ieri alla conferenza stampa convocata in Comune ed avente ad oggetto proprio l’annullamento dello show dell’artista napoletano.

Gli unici a parlare sono stati gli organizzatori della ‘VR Concerti’ che dopo la comunicazione di martedì scorso, ieri mattina erano presenti ed oltre a ripetere i motivi per i quali Massimo Ranieri non sarà in città il prossimo 8 agosto, hanno voluto rassicurare invece sulla presenza di Antonello Venditti, il prossimo 20 agosto, in piazza del Popolo, per un tappa del tour ‘Tortuga in Paradiso’.

«Lo spettacolo di Ranieri – dice Pino Ingrosso dell’ufficio stampa della VR Concerti – è stato annullato per concomitanti impegni di natura cinematografica dell’artista. La produzione ci ha chiesto di posticipare la data, ma siccome al momento non ci sono i presupposti lo show è annullato ed i biglietti già acquistati saranno rimborsati (fino all’8 agosto nei punti vendita dove sono stati acquistati ndr). L’artista si è dichiarato disponibile per una data di fine estate, a settembre, ma c’è l’incertezza delle condizioni meteorologiche, oppure per l’inverno. Nessun problema, invece – continua – c’è per la data di Antonello Venditti che è confermata».

Per il live di Antonello Venditti i posti a sedere in piazza del Popolo saranno 2300. Il cantautore romano, già protagonista di un bellissimo concerto nel salotto cittadino nell’estate del 2010, è tornato live nelle principali città italiane dove, a grande richiesta, ripercorre in musica la sua carriera, dai brani dell’ultimo album ‘Tortuga’ fino ai grandi successi del ‘Folkstudio’. A quattro anni da ‘Unica’, Venditti è tornato con nove inediti, l’inevitabile punto di arrivo di oltre quarant’anni di carriera. Il titolo è un omaggio ai luoghi della sua vita e i testi, come sempre protagonisti nella produzione del cantautore, attingono dalla sfera personale e autobiografica. Quella ascolana è l’unica data nelle Marche.