Ravenna, 31 dicembre 2017 -  Passa per la cruna dell’ago, ma alla fine la Bunge Ravenna espugna 1-3 Piacenza e rientra in zona playoff. Con una grande prova di cuore e orgoglio i ravennati hanno superato gli emiliani al termine di una battaglia lunga più di due ore, festeggiando nel modo più bello la fine del 2017.

Presi per mano dal regista Orduna, bravissimo a innescare le proprie bocche da fuoco (superlativo Buchegger con 23 punti), i ravennati si aggiudicano senza grossi affanni le prime due frazioni, mentre nella terza non riescono a neutralizzare la coraggiosa rimonta degli avversari, e nella quarta chiudono il discorso dopo un brivido nel finale. Con un Marechal in crescita, tutta la squadra funziona al meglio, a partire dalla seconda linea passando dal gioco al centro, con Georgiev e Diamantini molto positivi, per concludere con il servizio, finalmente tornato ai livelli di qualche settimana fa.

Grazie a questi tre punti nello scontro diretto con gli emiliani, la squadra di Soli sale addirittura al sesto posto in coabitazione con Padova, sorpassando Milano e portandosi a una sola lunghezza dalla quinta posizione di Trento.

Soddisfatto al termine del match il tecnico giallorosso Fabio Soli: “Questa gara è stato un mini revival della sfida dell’andata quando, avanti di due set, ci siamo fatti rimontare dai nostri avversari, alla fine vittoriosi. Poteva accadere la stessa cosa anche in questa occasione: Piacenza ne ha tutte le capacità, ha giocatori capaci di uscire dai momenti difficili e in grado di ribaltare l'andamento della gara. I nostri avversari hanno meritato il terzo set e avrebbero meritato anche il quarto; noi siamo stati più bravi a chiudere nel quarto ma, sinceramente, ho vissuto quest’ultimo parziale con grande preoccupazione”.

La Superlega però non dà tregua e, già tra cinque giorni, giovedì 4 gennaio, è tempo di scendere in campo, al PalaCosta contro i campioni d’Italia di Civitanova.

Il tabellino:

Piacenza-Ravenna 1-3
(21-25, 18-25, 35-33, 24-26)

WIXO LPR PIACENZA: Clevenot 18, Alletti 9, Fei 21, Parodi 12, Yosifov, Baranowicz 4, Marshall (L); Di Martino 4, Kody 1, Hershko 1, Cottarelli. Ne: L. Giuliani (L). All.: A. Giuliani.
BUNGE RAVENNA: Diamantini 8, Orduna 1, Marechal 14, Georgiev 11, Buchegger 23, Poglajen 16, Goi (L); Raffaelli, Pistolesi, Gutierrez. Ne: Mazzone, Vitelli, Marchini (L). All.: Soli.
ARBITRI: Puecher di Padova e Vagni di Perugia.
NOTE – Piacenza: bs 22, bv 1, errori 14, muri 6; Ravenna: bs 17, bv 8, errori 11, muri 3. Durata set: 26’, 24’, 42’, 31’ (tot. 123’). Spettatori: 2.117 (incasso 14.728 euro). Mvp: Orduna.