Cadelbosco Sopra (Reggio Emilia), 6 ottobre 2017 – Violenza e minacce duravano da tempo tra le pareti domestiche, ai danni della madre, ma anche della sorella, sempre per ottenere soldi per acquistare droga. Ma dopo l’ennesimo episodio di violenza un quarantenne con problemi di tossicodipendenza è stato arrestato dai carabinieri di Cadelbosco Sopra per il reato di maltrattamenti in famiglia.

E non è la prima volta. Già cinque anni fa era stato in carcere per aver incendiato le auto della madre, finendo nei guai pure due anni dopo, sempre per maltrattamenti in famiglia. Era stato assistito in una struttura riabilitativa, salvo poi tornare a casa l’anno scorso. Ma la situazione non è cambiata, fra minacce e violenza fino a quanto non otteneva il denaro per comprare la droga, recandosi dallo spacciatore in taxi o costringendo la madre ad accompagnarlo in auto. Qualche volta, a difesa della madre, è intervenuta la figlia.

Ma anche per lei non sono mancate violenze e minacce. Ieri mattina l’ennesimo episodio, con minacce, oggetti lanciati a terra, fino a prendere dalla borsetta della madre denaro per 140 euro. E quando ha scoperto un documento per la vendita di un terreno, ha preteso ulteriori soldi. E’ tornato a casa, ha rotto vari oggetti, danneggiando pure il parabrezza dell’auto della sorella, con cui le due donne stavano cercando di allontanarsi. Sono così arrivati i carabinieri che hanno fermato l’uomo, poi dichiarato in arresto.