Quotidiano Nazionale logo
19 apr 2022

Mostre a Zona Conce: si inizia con le "Origini"

Il polo museale apre il cartellone con le opere di Marica Fasoli dedicate alla tecnica degli origami

«Origini» è una mostra dedicata alla particolare interpretazione della tecnica e dell’arte degli origami di Marica Fasoli
«Origini» è una mostra dedicata alla particolare interpretazione della tecnica e dell’arte degli origami di Marica Fasoli
«Origini» è una mostra dedicata alla particolare interpretazione della tecnica e dell’arte degli origami di Marica Fasoli

Si intitola "Origini" ed è la mostra ospitata al polo museale di zona Conce a Fabriano e curata dall’artista Marica Fasoli. Un tuffo nel mondo degli origami, offerta dal Centro Culturale polivalente di Zona Conce che inaugura così la stagione espositiva che porterà a Fabriano una serie di artisti italiani e internazionali. "Origini" è una mostra dedicata alla particolare interpretazione della tecnica e dell’arte dell’origami di Marica Fasoli, costituita da quattordici opere di grandi dimensioni, allocate nel Polo Museale di Zona Conce. "Gli origami definiti ‘inutili come la poesia’, creati con una ‘danza delle mani’, – spiega l’artista – ci rivelano anche la spiritualità della cultura giapponese e l’importanza che la carta ha avuto, in un glorioso passato, nel mondo nipponico, la cui arte viene tramandata ai giorni nostri". "Penso che la carta sia sempre stata nel mio destino– ricorda l’artista- forse ancora prima che io nascessi, forse perché mia madre da giovane lavorava con questo materiale, ma questo lo venni a sapere solo dopo. Sono sempre stata attratta dalle sue stropicciature, venivo attratta da loro come se fossero il mio centro di gravità ed in esse mi perdevo". Lunghi periodi di ricerca e sperimentazioni hanno condotto l’artista a una riflessione importante su questa antica forma d’arte orientale che giunge infine, attraverso le sue opere, realizzate nella forma tradizionale di un foglio di carta, ad elaborare un’opera artistica inedita ed evocativa. Carta e colore, pieghe e sfumature, rigore e immaginazione ci regalano emozioni particolari frutto della variegata spiritualità e della maestria dell’artista. La mostra rimarrà aperta fino al 15 maggio, a ingresso libero con il seguente orario: dal lunedì al venerdì dalle 15 alle 19, sabato dalle 9 alle 13.

sa. fe.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?