Il centrocampista del Picchio Michele Troiano
Il centrocampista del Picchio Michele Troiano

Ascoli Piceno, 19 febbraio 2019 - A Cremona ci sarà anche lui, uno degli elementi spesso decisivi nel corso del girone d'andata. Il regista Michele Troiano ha smaltito il suo acciacco fisico e allo 'Zini' tornerà a dettare i ritmi della manovra bianconera in un'altra gara in grado di rivestire un importanza cruciale. 

Che aria si respira nello spogliatoio dopo la sconfitta con la Salernitana?
"Siamo abbastanza sereni, siamo una squadra esperta e sapevamo che prima o poi poteva arrivare un momento difficile. Siamo reduci da due sconfitte e la sosta prolungata a livello mentale non ci ha fatto bene. All'indomani della sconfitta ci siamo allenati, abbiamo analizzato gli errori e abbiamo capito bene ciò che non dovremo commettere più".

L'inizio del match lasciava presagire ben altro esito, poi cos'è accaduto?
"Dispiace, la partita si era incanalata nel verso giusto poi qualche disattenzione sulle palle inattive ci ha fatto andare in svantaggio. Dopo una sconfitta del genere si analizzano gli errori senza cercare un colpevole, ma cercando la soluzione. E la soluzione è lavorare, essere uniti e compatti. I nuovi non dobbiamo sovraccaricarli di responsabilità, ma aiutarli e metterli in condizione di rendere al meglio".

Ripartirete dalla reazione vista nella ripresa?
"Dobbiamo ripartire dagli aspetti positivi, ovvero dal secondo tempo dove la squadra ha messo in campo carattere cercando di recuperare il risultato. Sappiamo che l'Ascoli deve giocare così sotto il profilo caratteriale, non dobbiamo sempre prendere gli schiaffi prima di reagire. Dobbiamo essere noi a colpire per primi. Abbiamo un piccolo vantaggio sulle dirette concorrenti alla salvezza e non dobbiamo bruciarlo".

Lei come sta? Sarà pronto per la gara di Cremona?
"Sto bene, mi sto allenando regolarmente col gruppo e sabato sarò a completa disposizione del mister. Con la Salernitana purtroppo non ero nelle condizioni di poter dare una mano e l'allenatore ha fatto bene a non farmi giocare. Con la Cremonese avrò sette allenamenti in più nelle gambe".

Cosa pensa del prossimo avversario?
"La Cremonese è una buonissima squadra, sono partiti per raggiungere altri obiettivi e dovremo approfittare del fatto che proveranno a vincere a tutti i costi. Di fronte però avranno venti animali con la bava alla bocca che non usciranno dal campo senza punti".

I risultati dell'ultimo turno sono stati favorevoli?
"Non ho mai sperato nei risultati delle altre squadre, dobbiamo guardare in casa nostra e dimostrare di avere una squadra di uomini. Nei momenti difficili è l'uomo che ti dà una mano più che il giocatore. Abbiamo un solo credo, quello di tornare a fare immediatamente una prestazione diversa che è sinonimo di risultato".